Home C'era una volta Elio Mauro, l’operaio dalla chitarra d’oro

Elio Mauro, l’operaio dalla chitarra d’oro

SHARE

Il 10 ottobre 1934 nasce ad Avezzano, in provincia de L’Aquila, il cantante e chitarrista Elio Mauro, uno dei personaggi più interessanti del pop italiano degli anni Cinquanta. Registrato all’anagrafe con il nome di Aurelio Collacciani, per lungo tempo per lui la musica resta soltanto un hobby da coltivare nel tempo libero che gli resta dopo il lavoro come operaio nelle Acciaierie di Terni.

Una voce calda dall’impostazione moderna

La svolta nella sua vita arriva inaspettatamente nel 1950 quando viene scritturato da una compagnia di varietà diretta Vichi De Roll e Anna Galento. Da quel momento lascia le Acciaierie di Terni per dedicarsi completamente alla musica. Dotato di una voce calda dall’impostazione moderna e di una buona tecnica chitarristica si adatta bene all’ambiente dello spettacolo anche perché non insegue particolari sogni di gloria. L’esperienza da operaio l’ha abituato ad accettare tutto quello che arriva senza guardare troppo per il sottile. Suona e canta con numerose orchestre ed è disponibile anche a sopportare le non sempre agevoli tournée nei locali da ballo di mezzo mondo. Proprio al ritorno da un lungo tour in terra straniera viene scritturato nel 1954 dalla Rupe Tarpea, un locale romano alla moda. Sono i tempi della “dolce vita” e Roma è un luogo d’incontro per le star hollywoodiane.

Il regalo di Ava Gardner

Lui con la sua voce e la sua musica fa da colonna sonora ai frequentatori del suo locale, tra i quali c’è anche Ava Gardner. Proprio l’attrice, innamorata della sua musica, gli regala una chitarra d’oro. Nel 1955 vince un concorso alla RAI e inizia a cantare a Radio Roma, ma successivamente parte per un lungo tour negli Stati Uniti. Partecipa poi alla commedia musicale “Irma la dolce” con Vittorio Gassman e nel 1959 arriva secondo al Festival di Napoli cantando Padrone d”o mare. La sua popolarità è legata all’interpretazione di brani come Stella furastiera, Ave Maria no morro e, soprattutto La canzone del faro, sigla della famosa inchiesta televisiva “Viaggio nel Sud”. La sua voce compare nelle colonne sonore di molti film tra cui il felliniano “Le notti di Cabiria”.

SHARE
Previous articleSPIRITS & MORE, a Roma un evento internazionale
Next articleValeriani (PD): “Un Green Act per il Lazio”
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY