Home C'era una volta Roger Miller, King of the road

Roger Miller, King of the road

SHARE

Il 15 maggio 1965 arriva al vertice della classifica britannica dei dischi più venduti il brano King of the road. La patria dei Beatles, centro della rivoluzione musicale della nuova generazione di adolescenti d’assalto, incorona sorprendentemente uno dei grandi personaggi del country statunitense, il ventinovenne Roger Miller.

Un brano spaccone e da vagabondo

Il brano è in sintonia con il suo interprete, un po’ spaccone e un po’ vagabondo, come si addice a un cow boy fuori tempo. Il suo debutto come cantante risale agli anni Cinquanta quando dalla natia Forth Worth si trasferisce nella mitica Nashville per cercare fortuna. Qui sbarca il lunario componendo canzoni e accettando vari ruoli nei gruppi country. Preferisce cantare e suonare la chitarra, ma non disdegna di cimentarsi anche con altri strumenti, purché qualcuno lo paghi. In questo periodo accetta persino di suonare la batteria con Faron Young. Il suo fisico da “americano bianco” fa il resto, tanto che nei primi anni Sessanta trova modo di lavorare anche come attore. Nonostante l’apparenza, dietro la scorza da ragazzone c’è stoffa.

La storia cambia

Per molto tempo si accontenta di pubblicare canzoncine senza pretese, ma la storia cambia dopo l’esplosione del beat e l’invasione del mercato statunitense da parte dei gruppi britannici. Le case discografiche, in difficoltà, accettano di correre qualche rischio in più. Ormai ventottenne il ragazzone riesce così a centrare un paio di successi nel 1964 con i singoli Dang me e Chug a lug. L’anno dopo fa meglio e vince sette Grammy: cinque per King of the road e due per l’album The return of Roger Miller. L’elemento più straordinario del suo exploit resta, però, la capacità di conquistare il mercato del “nemico” britannico. Un paio d’anni dopo è già tornato nella normalità, anche se la sua carriera continuerà per anni nel circuito country. Nel 1985 il suo musical “Big River”, ispirato a “Huckleberry Finn” di Mark Twain, vincerà il Tony Award per il miglior musical dell’anno. Muore a Los Angeles il 25 ottobre 1992.

 

SHARE
Previous articleOhm sweet Ohm al 30 Formiche a Roma, sabato 19 maggio
Next articleLe tamerici, la pianta di Giuda, dalle proprietà diuretiche
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY