Home News Alicia Keys ed i Nativi, Ambasciatori della Coscienza

Alicia Keys ed i Nativi, Ambasciatori della Coscienza

SHARE
alicia keys insignita da Amnesty international

La celebre musicista di fama mondiale e attivista Alicia Keys e il movimento che lotta per i diritti dei popoli nativi del Canada sono stati insigniti da Amnesty International con il Premio Ambasciatore della Coscienza 2017, che verrà conferito ufficialmente con una cerimonia a Montréal, in Canada, il 27 maggio.

A ritirare il premio che onora il movimento per i diritti dei nativi del Canada saranno sei persone che rappresentano la forza e la diversità del movimento che ha coraggiosamente combattuto per porre fine alla discriminazione e per garantire la sicurezza e il benessere delle famiglie e delle comunità native: Cindy Blackstock, Delilah Saunders, Melanie Morrison, il senatore Murray Sinclair, Melissa Mollen Dupuis e Widia Larivière.

Alicia Keys ed i Nativi insigniti da Amnesty international

“Il premio Ambasciatore della Coscienza è la più alta onorificenza di Amnesty International, che celebra coloro che hanno mostrato eccezionale leadership e coraggio nella difesa dei diritti umani”, ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

“Sia Alicia Keys che il movimento per i diritti dei nativi canadesi hanno a loro modo contribuito all’ispirazione e sono stati significativi per la promozione dei diritti umani e assicurare opportunità alle generazioni future. Fondamentalmente, ci ricordano di non sottovalutare mai quanto lontano la passione e la creatività ci possano portare nella lotta contro l’ingiustizia”.

Alicia Keys, dalla musica all’attivismo

Alicia Keys ha utilizzato la sua carriera e i suoi 15 Grammy come ispirazione per una campagna rivolta al cambiamento.
“Ricevere questo grande onore ed essere insieme al movimento per i diritti degli indigeni è emozionante”, ha detto Alicia Keys. “Mi incoraggia a continuare a denunciare contro l’ingiustizia e a richiamare l’attenzione sulle questioni che sono importanti per me.”

Spesso denominata “regina del rythm & blues”, Alicia Keys ha sempre intessuto il suo attivismo con la sua arte. Nella sua vasta attività filantropica ha co-fondato Keep A Child Alive (KCA), un’organizzazione non profit che fornisce trattamenti e cure per i bambini e le famiglie colpite dall’Hiv in Africa e in India.

KCA collabora con le organizzazioni di base per progettare, attuare e condividere soluzioni innovative per alcune delle sfide più urgenti in materia di lotta all’Aids. KCA ha raccolto più di 60 milioni di dollari per fornire assistenza a centinaia di migliaia di bambini e alle loro famiglie e per sollecitare maggiore comprensione e sostegno.

Nel 2014, ha co-fondato il Movimento Siamo qui per incoraggiare i giovani a mobilitarsi per il cambiamento, ponendo la domanda “Perché sei qui?”, come un invito all’azione. Attraverso questo movimento ha cercato di stimolare il suo pubblico a intervenire su questioni come la riforma della giustizia penale e porre fine alla violenza pistola.

Sconvolta dal fatto che ora ci sono più rifugiati nel mondo oggi che in qualsiasi altro momento della storia, nel 2016 la musicista ha contribuito a ideare, e anche a prendervi parte, un cortometraggio dal titolo “Let Me In” in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. Con la sua canzone “Hallelujah” al centro, il film pone la questione della crisi dei rifugiati agli spettatori raccontando la potente storia di una giovane famiglia americana costretta a fuggire verso il confine con il Messico.

“La nostra coscienza è qualcosa di cui siamo tutti dotati al momento della nascita, non importa chi siamo”, ha detto Alicia Keys. “Quella piccola voce che ti parla e ti dice quando qualcosa non è giusto, la uso sempre come la mia guida. Fin da quando ero una bambina la mia voce interiore mi urlava! Ora dico: dunque, cosa posso fare? Questa è una domanda che possiamo porci e poi agire”.

Alicia Keys ed i diritti dei popoli nativi del Canada

Nonostante vivano in uno dei paesi più ricchi del mondo le donne, gli uomini e i bambini nativi sono costantemente tra le persone più emarginate della società in Canada. Ora, dopo decenni di silenzio pubblico e apatia, un movimento vivace e diversificato di attivisti ha catturato l’attenzione del pubblico.

Quest’anno il premio Ambasciatore della coscienza verrà condiviso tra dirigenti e militanti del movimento che hanno mostrato notevole coraggio nel condurre importanti battaglie per i diritti all’uguaglianza, difendendo il diritto alla terra e mobilitando all’azione nativi e non nativi.

Dal dicembre 2012, il movimento di base “Idle No More” ha contribuito a far luce sulla lotta in corso dei nativi per poter decidere autonomamente circa le loro terre, risorse e ambiente. In prima linea in questa protesta sono stati Melissa Mollen Dupuis e Widia Larivière, i co-fondatori del movimento in Québec.

Principalmente guidato da donne, il movimento rappresenta una nuova ondata di mobilitazione nativa che dà una piattaforma agli attivisti di base, favorisce l’orgoglio culturale dei giovani nativi e porta nativi e non nativi del Canada a condividere i problemi comuni come l’ambiente e l’economia.

Dopo aver appreso la notizia del premio, Melissa Mollen Dupuis e Widia Larivière hanno affermato: “Ricevere un tale prestigioso attestato internazionale è un riconoscimento del lavoro svolto da migliaia di persone che, a modo loro, si impegnano ogni giorno per i diritti dei popoli nativi in un movimento spontaneo e pacifico di cittadini.”

“In una società che incoraggia la ricerca del potere e del profitto a scapito del benessere della comunità nel suo insieme, le parole e le azioni della comunità – e di chi al suo interno è più a rischio di subire l’ingiustizia sociale e la discriminazione – sono uno degli strumenti più efficaci di cui disponiamo nella lotta contro gli effetti della colonizzazione in Canada”.

Cindy Blackstock spera che il premio contribuirà a focalizzare l’attenzione mondiale sulle ingiustizie ancora prevalenti in Canada.

Come leader della Società per la cura dei bambini e delle famiglie delle Prime nazioni, Cindy Blackstock ha condotto una battaglia legale decennale contro il taglio dei finanziamenti dei servizi sociali per i bambini delle Prime nazioni. Nel 2016, la corte per i diritti umani del Canada ha emesso una sentenza che invita il governo federale a prendere misure immediate per porre fine alle sue pratiche discriminatorie.

Tuttavia, il governo canadese ha continuato a ritardare la piena attuazione della sentenza, con la conseguenza che i bambini delle Prime nazioni stanno ancora soffrendo per la discriminazione.

“La coscienza della gente si sta svegliando di fronte alla discriminazione razziale del governo canadese nei confronti dei bambini e delle famiglie delle Prime nazioni”, ha detto Cindy Blackstock. “Ora la domanda è: Che cosa abbiamo intenzione di fare al riguardo? Stiamo permettendo al Canada di celebrare il suo 150° compleanno mentre si bea nel suo razzismo o vogliamo prendere la parola e chiedere di fermare la discriminazione?”

LEAVE A REPLY