Home Green in Action Arkeda 2016, nuovo premio per architetti

Arkeda 2016, nuovo premio per architetti

SHARE
arkeda 2016

Da Arkeda 2016 prende avvio la nuova edizione del “Premio Raffaele Sirica” che – istituito nel 2010 dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e dedicato nel corso degli anni alla sicurezza dell’abitare, alla rigenerazione urbana sostenibile e a selezionare progetti originali, innovativi e di qualità di giovani professionisti –  avrà come contenuto, nella edizione del 2017, sempre dedicata ai giovani, temi di carattere fortemente culturale che abbracciano, architettura, paesaggio, arte e storia, con una particolare attenzione ai luoghi, alle loro tradizioni costruttive, alla filiera della produzione dei materiali da costruzione e di finitura.

Arkeda 2016, un premio per architetti

Ciò al fine di creare nuove sensibilità e opportunità professionali, nuovi terreni culturali, dove la figura del giovane professionista possa avere una riconoscibilità nei confronti delle Amministrazioni demandate alla tutela del Paesaggio storico e rurale.

Arkeda 2016, parte da Napoli la “via degli Architetti”

Proprio per  incentivare la partecipazione dei giovani professionisti, da Napoli è partito il primo dei seminari formativi “La Via degli Architetti”,  volto ad un approfondimento dei temi del “Premio Raffaele Sirica 2017”, che ha l’obiettivo di coinvolgere – attraverso workshop itineranti permanenti sul tema delle microinfrastrutture rurali – gli Ordini Provinciali degli Architetti, Pianificatori Paesaggisti e Conservatori.

“La situazione di fragilità e criticità dei nostri territori –  sottolinea Luisa Mutti, coordinatrice del  Dipartimento Accesso alla Professione, Politiche Iunior e Giovani del Consiglio Nazionale degli Architetti – richiede oggi più che in passato una assunzione di responsabilità da parte delle Istituzioni e della politica. La promozione di azioni finalizzate alla rigenerazione urbana sostenibile, che rappresentano una priorità per il Consiglio Nazionale degli Architetti, riguardano, in un’ottica strategica e di ampio periodo, anche la tutela  e lo sviluppo del paesaggio rurale e dei tanti centri storici di piccola e media grandezza, luoghi di inestimabile bellezza, destinati ad un inesorabile abbandono senza una adeguata promozione  della loro crescita economica e sociale”.

Mutti ha poi ricordato che “la Commissione europea ha erogato una prima tranche di aiuti dal Fondo di Solidarietà per aiutare il nostro Paese colpito dai recenti terremoti e si è impegnata ad introdurre la possibilità di finanziare totalmente le operazioni di ricostruzione nell’ambito di programmi dei fondi strutturali. Per gli architetti italiani questo è un importante segnale per ripartire, ma si rendono necessarie e urgenti politiche a sostegno del ruolo dei progettisti italiani, il cui valore è riconosciuto a livello internazionale. Di contro la categoria paga lo scotto di una scarsa competitività dovuta soprattutto dalla mancanza di orizzonti lavorativi che permettano di sviluppare forme di coprogettazione e di sviluppo degli studi professionali.”

LEAVE A REPLY