Home Ricette Contorni Asparagi della zia Gagiona

Asparagi della zia Gagiona

SHARE
Asparagi

Asparagi della zia Gagiona

Mia zia Walda era soprannominata “Gagiona” – da gagia, gazza – perché, secondo le sorelle, non stava mai zitta un minuto. E il soprannome, che per altro le era piaciuto, le rimase attaccato addosso tutta la vita.

Cuoca provetta (milanese di origine romagnola e sposata a un napoletano, immaginatevi che fusion!) non ha purtroppo lasciato nessuna ricetta scritta. O, quantomeno, non le abbiamo trovate.

Della sua arte culinaria sono in grado di replicare soltanto un modo semplice e gustoso di cucinare gli asparagi, che vi propongo qui sotto.

 

Ingredienti per due persone:

2 mazzi di asparagi

2 noci di burro

Parmigiano grattugiato.

 

Asparagi

Lessate gli asparagi in acqua salata e scolateli, impiattandoli direttamente. Fate sciogliere  a fuoco lento il burro in una padella, senza farlo friggere!!!!

Versate il burro sugli spinaci e aggiungetevi parmigiano grattugiato.

Servite in tavola.

 

Tegame di scrittore non ancora bollito è il titolo del manuale di cucina che Niky Marcelli ha pubblicato tempo fa. In questo spazio pubblichiamo ricette originali create da lui, o da suo padre Augusto, che gli ha trasmesso – oltre alla passione per la scrittura – anche quella per la cucina.

Troverete anche ricette tradizionali o loro più o meno libere reinterpretazioni, sia di cucina regionale, che nazionale, che internazionale. Insomma, una fricassea, un pot-pourri, un – per usare un anglicismo – medley (o, ancor più appropriatamente, un melting pot) di piatti inventati di sana pianta, rielaborati da ricette tradizionali, o imparati-copiati in giro per l’Italia e per il mondo.

Niky Marcelli

 

 

 

 

 

 

 

Tegame di scrittore non ancora bollito è disponibile in E-book a 2,99 su tutti i principali portali on line.

SHARE
Previous articleFrankie Trumbauer, sassofonista in Do
Next articleMoRkObOt a Torino
Niky Marcelli, giornalista e scrittore, è nato a Milano ma si è trasferito quasi subito a New York e successivamente a Roma, dove ha risieduto fino al 2004, prima di coronare la sua vecchia aspirazione di andare a vivere in campagna. Cronista investigativo e critico di spettacolo, è stato uno dei «padri fondatori», nonché caporedattore, del settimanale satirico e di controinformazione «La Peste», per il quale ha firmato numerose inchieste. Ha collaborato successivamente con i quotidiani «L’Umanità», «Il Giornale d’Italia», «L’Avanti», «Libero»; con i periodici «Audrey», «Avvenimenti» e con molte trasmissioni di successo della Rai, tra cui «Via Teulada 66», «Piacere Rai Uno», «In Famiglia», «Domenica In». Come autore ha firmato nel 1993 il primo varietà prodotto e trasmesso dall’allora Tele Monte Carlo: «Specchio delle mie brame» - in collaborazione con l'agenzia Elite di John Casablancas - e, in teatro, la commedia «Capolinea», rappresentata con successo nelle stagioni 1997/98 e 1998/99. Nel 2003, per i tipi di Maretti, è uscita la sua raccolta di racconti «Sotto la pergola del bar che non c’è più». Dal 2004 al 2007 ha diretto l’agenzia web «Lo Sport». Dal 2003 al 2010 ha collaborato con il settimanale di satira politica «Veleno». Nel 2013, per i tipi di TEKE, è uscito il suo giallo “L’Ultimo Swing”. Nel mese di luglio 2015, sempre per i tipi di TEKE, pubblica il romanzo “La Contessa Rossa”. A maggio 2016, pubblica in e-book, la raccolta di racconti “Il senso di Giulio per Camilla” e il manuale di cucina “Tegame di scrittore non ancora bollito”.

LEAVE A REPLY