Home Eco Cultura Cambiamenti climatici, si studiano con Thoreau

Cambiamenti climatici, si studiano con Thoreau

SHARE

Henry David Thoreau, considerato come il primo ambientalista, i cui diari nei quali ha descritto la sua vita isolata nel 1840 nel Massachusetts sono un classico della letteratura americana, sta ora aiutando gli scienziati a definire con precisione gli impatti dei cambiamenti climatici.

Thoreau

L’autore americano, che morì nel 1862, è meglio conosciuto per il suo resoconto dei due anni passati vivendo in una casetta di legno di una sola stanza vicino a Walden Pond “perché desideravo vivere con saggezza, di fronte solo ai fatti essenziali della vita.” Confezionato con le descrizioni del mondo naturale che amava, Walden è in parte autobiografico, in parte un manifesto per la fede di Thoreau nella giustezza di vivere nella natura. “Non ho mai trovato un compagno così socievole come solitudine”, scrive. “Semplificare, semplificare”.

Gli impatti dei cambiamenti climatici

Ma Thoreau era anche un naturalista, e lui meticolosamente si appuntava le prime date di fioritura di oltre 500 specie di fiori selvatici in Concord, Massachusetts, tra il 1851 e il 1858, registrandole in un insieme di tabelle. Quando Richard Primack, un professore di biologia alla Boston University, e il suo collega ricercatore Abraham Miller-Rushing hanno scoperto queste registrazioni inedite di Thoreau , si sono immediatamente resi conto della loro utilità per confrontarli con i dati del cambiamento climatico di oggi e misurare cosa si e’ modificato nel corso dell’ultimo secolo e mezzo.

La fenologia

Il calendario di eventi stagionali, come, ad esempio, le date di fioritura è conosciuto come la fenologia, e le phenologies di piante in un clima temperato come quello del Massachusetts sono molto sensibili alla temperatura, dicono gli scienziati. Studiare la fenologia è quindi un buon indicatore di risposte ecologiche al cambiamento climatico.

“Eravamo stati alla ricerca di documenti storici per circa sei mesi, quando abbiamo imparato a conoscere le osservazioni sui vegetali di Thoreau. Abbiamo capito subito che sarebbe stato incredibilmente utile per la ricerca sul cambiamento climatico perché erano documenti di 150 anni fa,e il numero di dati su centinaia di varieta’ vegetali che sono state raccolte da Thoreau sono impressionanti”, ha detto Primack. “I riscontri sono stati sorprendentemente facili da individuare una volta che eravamo a conoscenza dei dati di confronto.. Una copia ci è stata data da uno studioso indipendente di ricerca, che sapeva sarebbe stato utile per la ricerca sul cambiamento climatico “.
Dopo avere a fatica decifrato la calligrafia di Thoreau “notoriamente pessima”, e spendendo “una grande quantità di tempo” studiando la corrispondenza dei nomi utilizzati per quei vegetali nel 1850 con i loro equivalenti moderni, Primack e Miller-Rushing ,guardando a 43 comuni specie di piante Concord, hanno trovato “inequivocabile” che queste piante, in media, “stanno fiorendo 10 giorni prima di quanto non facessero al tempo di Thoreau,” scrivono in un articolo per la rivista BioScience .

Nel corso dei 155 anni successivi, la temperatura media per produrre tale effetto sui vegetali si e’ stimata aumentata di 2,4 °C.

L’autore del Walden sarà coinvolto ulteriormente: Primack e Miller-Rushing hanno scoperto che Thoreau, oltre alle osservazioni sui germogli e le fioriture dei vegetali, fece anche osservazioni dettagliate sul “foglia-out” l e chiaramente, si suppone che il fenomeno inizi 10 giorni prima come la fioritura, ma questo dato e’ ancora da verificare. I due ricercatori, stanno progettando ulteriori ricerche in questo settore, guidati dalle innumerevoli note di Thoreau di un secolo e mezzo fa.


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY