Home Eco Cultura Carlo Zannetti, la musica come ecologia della mente

Carlo Zannetti, la musica come ecologia della mente

SHARE
Carlo
Il musicista e scrittore Carlo Zannetti insieme alla blogger Stefania Romito e a Fausta Moroni, proprietaria dell'emittente Lombardia TV

Niente come la musica è in grado di penetrare nell’animo umano e far tornare a galla emozioni, imprimere nella memoria i momenti più belli e creare delle potenti suggestioni. Anche per queste ragioni, ogni artista o gruppo cerca di collaborare con dei validi professionisti per sviluppare sonorità e arrangiamenti in grado di migliorare la qualità della propria musica. Uno dei più originali musicisti ed arrangiatori italiani attivi già dai primi anni ’80, è senza alcun dubbio il chitarrista Carlo Zannetti.

Carlo Zannetti, il musicista e lo scrittore

Gli esordi nel mondo della musica

Nato nel 1960, emiliano d’origine e padovano d’adozione, Carlo Zannetti ha cominciato molto presto a suonare la chitarra. Nel giro di pochi anni, pubblica due album Carlo Zannetti nel 1995 e Ulisse del 2000 nel 1997 e inizia a collaborare con musicisti di livello nazionale come i Jalisse, Eugenio FinardiJimmy Fontana, Marco Ferrandini, Andrea Mirò ed Enrico Ruggeri.

Carlo
La copertina di “Il paradiso di Levon” di Carlo Zannetti

Nel corso degli ultimi anni, Zannetti ha affiancato proprio l’ex leader dei Decibel nell’organizzazione del giro di eventi e presentazioni del suo libro mentre, tra il 2014 e il 2016, oltre a collaborare con i Sonohra e a suonare con loro durante il concerto pro Lega Nazionale Fibrosi Cistica Veneto, ha dato alla luce il suo terzo album Vincimi.

Carlo Zannetti scrittore 

Meno nota ma non meno importante è la vocazione letteraria di Carlo Zannetti. Da autore di testi di canzoni a scrittore di romanzi, il passo è stato breve. Nel maggio del 2015 ha dato alle stampe il suo primo libro, Il paradiso di Levon (Edizioni Anordest), un racconto dal sapore marcatamente autobiografico e liberamente ispirato alla figura di Levon Helm, batterista del gruppo rock canadese The Band. In queste pagine, un vecchio musicista, Levon appunto, ripercorre la sua ricca carriera artistica e la sua vita piena di esperienze e di emozioni. Ormai stanco e malato, Levon immagina la sua esistenza dopo la morte arrivando a fantasticare sul paradiso e le sue meraviglie. Un libro che sottolinea la grande sensibilità e profondità d’animo di Zannetti, una capacità fuori dal comune di rendere i pensieri in parole. Fresco di stampa è, invece, La giravolta di Loris (Giovanelli edizioni Bologna, 2016), volume che conferma il grande amore di Carlo Zannetti per gli animali e che è ispirato al tema del silenzio come filo conduttore della storia e dei suoi personaggi.

LEAVE A REPLY