Dailygreen

Cerro San Cristóbal, ecoturismo a Santiago del Cile

Tappa obbligatoria per chiunque sia in visita a Santiago Del Cile, il Cerro San Cristóbal è uno dei punti panoramici più suggestivi e verdi di tutta la capitale cilena.

Per chi non masticasse la lingua spagnola, il termine ‘cerro’ non significa altro che colle. Il protagonista, in questo caso, è un colle (il Cerro San Cristóbal, appunto ) situato a nord della capitale, e secondo per altezza solo al Cerro Renca, che gode invece del punto più alto su tutta la città tanto cara a Neruda.

La collina ospita il Santiago Metropolitan Park, il più grande parco urbano di tutto il Cile e uno dei più grandi al mondo. E’ il regno delle attività all’aria aperta: picnic, sessioni sportive e meditative, come lo yoga e i massaggi, e ancora escursioni a piedi, e soprattutto in bicicletta, qui, sono all’ordine del giorno. Un vero paradiso per tutti gli sportivi e per gli amanti della natura che vogliono sfuggire dallo smog di una delle metropoli più popolate del Sud America.

In questo paradiso green, nelle giornate più limpide, è possibile ammirare non solo tutta la città dall’alto, fino ad averne un’idea netta nella sua globale estensione, ma perfino scorgere nitidamente le cime innevate delle Ande.

Cerro San Cristóbal, attrattive green nel cuore di Santiago

Sebbene sia possibile salire a piedi o in bici in un percorso di circa due ore, il modo più comune e singolare per raggiungere la cima del Cerro San Cristóbal è con una funicolare che, da sola, vale l’intero viaggio. Situata ad un passo dalla Chascona, la casa museo di Neruda di cui abbiamo già descritto l’importanza attrattiva in questo articolo, la funicolare è davvero pittoresca già dal suo ingresso, spesso e volentieri affollato di turisti anche durante i giorni della settimana.

L’accesso alla stazione Pio IX è, infatti, fiabesco: si attraversa un castello molto bello, fiancheggiato da due torri e progettato dall’architetto Luciano Kulczewski in stile neo-medievale.

Il trenino sembra volerti riportare indietro nel tempo: l’inclinazione è massima e il paesaggio, una volta saliti a bordo, si svela a rallentatore regalando una vista incorniciata dagli alberi a dir poco incredibile.

Ed eccoci in questa oasi verde nel cuore della città. La vegetazione è curatissima e, nonostante la folla, il rispetto per l’ambiente che ci circonda è massimo: neanche una carta a terra.

Il clima è festoso. Giocolieri, bambini e turisti di ogni nazionalità, tra musica in sottofondo e tanti negozietti di souvenir, popolano il belvedere trasmettendo una forte sensazione di gioia e rilassatezza. Innamorati intenti a scambiarsi promesse d’amore e, tra gli stranieri, una sfilata di selfie su selfie con alle spalle la vista su Santiago. Una cartolina da condividere in real time e far girare per il mondo dei social.

I ciclisti, qui, sono ad ondate ed è frequentissimo vederli sorseggiare una bevanda simbolo del Cile per ricaricare le energie dopo la lunga salita: il Mote con Huesillos. Dal colore arancio acceso, si tratta di un drink analcolico, naturale e rinfrescante a base di grano, pesche disidratate e succo caramellato. Davvero squisito.

Oltre alla vista mozzafiato, il Cerro San Cristóbal offre molte altre attrazioni. In estate è possibile portare perfino il costume e nuotare nelle due piscine all’aperto. I bambini, a loro volta, possono divertirsi al Parque Bicentenario de la Infancia, inaugurato nel 2012 e ricco di giochi sugli alberi e attrazioni acquatiche.

Santuario del Cerro San Cristóbal, un luogo di pace

La vera regina del Cerro San Cristóbal resta però lei, la statua della Vergine Maria, che dalla cima della collina domina la città, con i suoi 14 metri di altezza, sorvegliandola e proteggendola.

La Virgen de la Inmaculada Concepción è oramai un’icona indiscussa di Santiago. Si tratta di un santuario molto sentito dai cristiani cileni, che qui vengono a trovare pace e a raccogliersi in preghiera.

Chi va a Santiago non può mancare di visitare questo santuario così suggestivo (e tanto amato dal Papa Giovanni Paolo II, che nel 1987 vi celebrò una messa): da qualsiasi punto della città, l’immagine della Vergine è lì, a catturare l’attenzione e ad invitare tutte le anime di avvicinarsi a lei attraverso splendidi parchi e passeggiate nel verde più curato.