Home Green in Action Club 55, la cultura contro la droga

Club 55, la cultura contro la droga

SHARE
Club 55 al Pigneto

Nel cuore di Roma, al Pigneto, c’è un club, il Club 55 che, da anni, si batte per portare cultura e legalità in una via famosa per essere stata in passato il quartier generale per lo spaccio e consumo di eroina.

Tutto ciò per fortuna non avviene ormai da anni, grazie all’azione caparbia dei soci del locale. Il Club 55 nasce con l’idea di sviluppare progetti sociali e culturali,di riqualificazione personale oltre che urbana. E’ uno spazio allestito con azione creativa,utilizzando materiale di riuso e d’arredo proveniente da donazioni di soci del Club e privati. Il Club 55 è presente e sostenuto anche grazie al plauso e consenso del V Municipio, che riconosce impegno e azione di carattere associativo e culturale, permettendo la pedonalizzazione della strada. Il CLUB 55 Pigneto Roma per la rassegna estiva di luglio 2019 in accordo con il Municipio V è lieto di presentare due spettacoli d’eccezione:sabato 13 luglio ore 21.30 la cantautrice ELEONORA BETTI presenta “Il Divieto di Sbagliare” e sabato 27 luglio ore 21.30 DJELEM DO MAR TRADITIONAL concerto di musica musica popolare.

Eleonora Betti presenterà”Il Divieto di Sbagliare” (RadiciMusic Records),album che è viaggio,con tratti onirici,dentro all’animo umano;un viaggio sempre in punta di piedi,con la delicatezza con cui Eleonora ama guardare le cose.Si raccontano storie di uomini perduti sulla luna,di conigli bianchi da seguire per trovare luoghi fantastici,di maestri che raccomandano attenzione,del lasciarsi tuttavia la possibilità di commettere errori,che altro non sono che parte integrante del percorso da compiere. D’altra parte, “il divieto di sbagliare”, dice Eleonora nel brano che dà il titolo al disco, “è prigione naturale”.Le influenze sono quelle del folk,del pop internazionale,del jazz,della classica,ed entrano morbidamente l’una nell’altra.

Djelem do Mar è l’accostamento di parole di etnie diverse:la prima romanì che significa “camminare”, “andare”, “viaggiare”, la seconda portoghese che significa “del mare”.Si attraversa il Mar Mediterraneo,dando vita a nuovi linguaggi e nuove forme di espressione.Un viaggio contaminato da linguaggi musicali che si fondono tra sonorità rom,yiddish,ritmi latini,melodie greche, basche,arabo flamenche e musica tradizionale italiana del centro sud Italia.Un percorso che si caratterizza come lavoro di rilettura della musica etno-popolare a due voci che in contrappunto raccontano le storie di diversi popoli.Djelem do Mar è un progetto musicale nato dal sodalizio artistico delle due interpreti Sara Marini, umbro sarda e Fabia Salvucci della provincia di Frosinone. L’incontro tra le due risale ormai ad anni fa nel loro percorso di studi a Roma. Studiano e collaborano con artisti tra i più importanti del panorama musicale popolare italiano tra i quali Giovanna Marini, Ambrogio Sparagna, Nando Citarella, Tosca Donati, Elena Ledda.Accomunate dalla passione per le sonorità etniche, l’amore per la riscoperta delle musiche tradizional popolari e dei canti antichi, delle radici e del senso di appartenenza dell’uomo, fondono le loro ricerche ideando un nuovo progetto.Cantanti dalla vocalità scura e avvolgente con ognuna il suo particolare timbro. Curiose di esplorare culture e linguaggi diversi, cantano la voce dei popoli.Al loro fianco il polistrumentista Lorenzo Cannelli.

SHARE
Previous articleL’ingombrante santificazione di Bob Geldof
Next articleL’ultima volta dei Camaleonti
Antonella Danese
Sono una giovane farmacista, appassionata di erbe, piante e rimedi naturali. Sono convinta che la salute passi per una giusta informazione e non tutti sono a conoscenza delle proprietà e delle mille potenzialità che offre la Natura. Per Daily Green sono lieta di curare la rubrica Eco Da Te con una serie di consigli utili (ed anche ricette tutte da provare) per il vostro benessere.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY