Home Salute e Benessere Come usare l’alloro

Come usare l’alloro

SHARE
L'alloro, una pianta nobile

Oggi parleremo di una pianta molto usata in cucina e anche per adornare il capo di giovani laureati: l’alloro.

Laurus nobilis della famiglia delle Lauraceae è conosciuta col nome comune di Alloro in varie regioni d’Italia è chiamato romolino(Liguria), lavar(Piemonte), orench(Lombardia), slaverno(Veneto), tivalor(Friuli), melauro(Marche), odorgo, lauriello(Campania), nefinaru(Calabria), alaru Labru(Sardegna).

Alloro, una pianta spontanea

E’ una piante spontanea, si trova nei boschi e nella macchia mediterranea, specialmente lungo il Tirreno. Le foglie si possono raccogliere tutto l’anno, ma le migliori sono quelle raccolte in luglio-agosto.

Si conservano le foglie fresche ,ma volendo si possono essiccare all’ombra in luoghi ben areati; si conservano in vasi di vetro.

L’alloro è una pianta nota per le caratteristiche aromatiche nella buona cucina, possiede proprietà stimolanti degli enzimi digestivi e ha un’azione aperitiva e digestiva.

Azioni secondarie ,ma ugualmente importanti sono quelle espettoranti e antireumatiche.

L’infuso di foglie di alloro agiscono da stimolanti dell’organismo ,purificano il tubo digerente, favoriscono l’eliminazione dei gas intestinali.

Le preparazioni con i frutti di Alloro in pomate e lozioni sono destinate all’uso esterno per le proprietà antisettiche, lenitive e antidolorifiche.

I CONSIGLI DEL FARMACISTA

Uso interno

Foglie per stomaco e intestino

Infuso: 1 g in 100ml di acqua. Una tazzina all’occorenza.

Uso esterno

Le foglie,per gli arti e estremità stanche e che sudano facilmente

Infuso: una manciata di foglie nell’acqua caldissima per un pediluvio

Uso esterno

I frutti per reumatismi e contusioni

Tintura oleosa 20g in 100ml di olio di semi di oliva a macero per 5 giorni. Frizionare con mani o con ovatta imbevuta di tintura per le parti dolenti

Uso cosmetico

Una manciata di foglie di alloro nell’acqua calda permette di realizzare un bagno leggermente profumato,deodorante ,stimolante.

LE ERBE IN CUCINA

Anguilla grigliata all’alloro

Tempo di preparazione 1ora e 30 minuti

Occorrente per 4 persone

1 anguilla di circa i kg

1 limone, alloro

2 cucchiai di prezzemolo tritato

100 g di burro

1 cipolla o scalogno, olio

2 dl di vino rosso

Pepe in grani e sale

Preparazione

Prendete l ‘anguilla, ed eliminate le interiora e la testa, lavatela e tagliatela a pezzi. Mettetela a macerare per una o due ore in una marinata col succo di limone ,4 o 5 foglie spezzate,un cucchiao di prezzemolo,granelli di pepe,pepe macinato e qualche cucchiaio di olio. Dopo di che,scolate i pezzi di anguilla dalla marinata e infilateli i n lunghi spiedini,alternandoli con foglie di alloro. Salate leggermente.

Cuocete gli spiedini in una griglia ben calda,pennellandoli di tanto in tanto con la marinata. Intanto che l’anguilla cuoce,mettete al fuoco un tegamino con il vino e la cipollina tritata finemente e fate ridurre il liquido a due o tre cucchiaiate.

Togliete il vino dal fuoco,unitevi il burro a pezzetti e il rimanente prezzemolo. Disponete gli spiedini su un piatto  e servite a parte la salsa.

Buon appetito!

SHARE
Previous articleSisto Quaranta e il Rastrellamento al Quadraro
Next articleSidney Bechet, un talento al sax e al clarinetto
Sono una giovane farmacista, appassionata di erbe, piante e rimedi naturali. Sono convinta che la salute passi per una giusta informazione e non tutti sono a conoscenza delle proprietà e delle mille potenzialità che offre la Natura. Per Daily Green sono lieta di curare la rubrica Eco Da Te con una serie di consigli utili (ed anche ricette tutte da provare) per il vostro benessere.

LEAVE A REPLY