Home Green World Crimini contro l’ambiente, Nigeria sotto accusa

Crimini contro l’ambiente, Nigeria sotto accusa

SHARE

La Corte ECOWAS ha condannato il governo nigeriano per crimini contro l’ambiente. In particolare lo ha accusato di aver violato gli articoli 21 (sul diritto di ricchezze e risorse naturali)  e il 24 (sul diritto adun ambiente soddisfacente) della Carta africana dei diritti dell’uomo e dei popoli, omettendo di proteggere il delta del Niger e la sua popolazione dalle operazioni delle compagnie petrolifere che hanno devastato la regione.

Nigeria sotto accusa per crimini contro l’ambiente

Secondo la Corte, il diritto alla vita alimentare e sociale del popolo del Delta del Niger è stato violato distruggendo il loro ecosistema, e quindi distruggendo la possibilità di guadagnarsi da vivere e godere di un tenore di vita sano ed adeguato.

La Corte ha anche dichiarato che sia il governo sia le compagnie petrolifere hanno violato i diritti umani e culturali della popolazione del Delta del Niger. La Corte ha ritenuto che il fallimento del governo di emanare leggi efficaci e creare istituzioni efficaci per disciplinare le attività delle società accoppiati con la sua incapacità di portare i responsabili di inquinamento “a libro” costituiscono violazione di Nigeria obblighi internazionali in materia di diritti umani e impegni.

“Questa sentenza  – hanno dichiarato Femi Falana San e Adetokunbo Mumuni per SERAP – conferma la persistente incapacità del governo nigeriano di punire adeguatamente ed efficacemente le compagnie petrolifere che hanno perpetrato gravi violazioni dei diritti umani devastando la Regione e le sue risorse”. Una sentenza storica.


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY