Home C'era una volta Deniece Williams, voce soul e autrice di talento

Deniece Williams, voce soul e autrice di talento

SHARE

Il 3 giugno 1951 nasce a Gary, nell’Indiana Deniece Williams, una delle grandi voci femminili della musica nera degli anni Settanta.

Gli inizi nel gospel

Registrata all’anagrafe con il nome di Deniece Chandler, come molti grandi interpreti della musica nera inizia fin dal piccola a cantare nel coro della sua chiesa e dal gospel passa poi al soul negli anni Sessanta. Pur avendo pubblicato il suo primo disco Love is tears nel 1967 riesce ad affermarsi solo nella seconda metà degli anni Settanta, dopo aver fatto parte delle Wonderlove, il gruppo vocale d’accompagnamento di Stevie Wonder. Liberatasi della tutela ingombrante di Wonder Deniece può finalmente dedicarsi alla carriera da solista.

Il successo in Gran Bretagna

Nel 1976 con l’aiuto di Maurice White, leader degli Earth, Wind and Fire, pubblica l’album This is Niecy e, soprattutto, il singolo Free che, nonostante i non eccezionali risultati in patria, la trasforma in una delle interpreti più popolari del momento in Gran Bretagna. Dopo il modesto album Song bird nel 1978 ottiene un grande successo in coppia con Johnny Mathis con il singolo Too much too little too late e con l’album That’s what friends are for. Nello stesso periodo ottiene grandi soddisfazioni anche come autrice e alcune sue canzoni arrivano al successo nell’interpretazione di altri artisti come gli Emotions, Frankie Valli, gli Whispers e altri. Negli anni successivi continua ad alternare successi come cantante e come autrice.

SHARE
Previous articleRino Gaetano, l’impegno e l’ironia
Next articleGiugno, un mese pieno di impegni per Claudia Conte
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY