Home C'era una volta Dimenticate i Beatles, ascoltate George Harrison!

Dimenticate i Beatles, ascoltate George Harrison!

SHARE

Il 27 novembre 1970 George Harrison pubblica All thing must pass un triplo album, prodotto dallo stesso Harrison con Phil Spector.

Il primo lavoro da solista

Se si eccettua la deludente colonna sonora del film “Wonderwall”, composta nel 1968, si tratta del primo vero lavoro da solista dell’ex Beatle. I commenti della critica sono entusiastici. «Dimenticate i Beatles, ascoltate George!» scrive Melody Maker. La foto di copertina è uno sberleffo per i suoi ex compagni. Harrison appare seduto in mezzo a un prato circondato da quattro gnomi di gesso (i Beatles?) che lo guardano. Nei primi due dei tre dischi contenuti nell’album è raccolta la produzione accumulata negli ultimi anni di contrastata vita dei Beatles. Il terzo, invece, è interamente dedicato a una narcisistica session con vari musicisti, da Eric Clapton a Dave Mason, a Ringo Starr e Jim Gordon, che la leggenda vuole si sia svolta sotto l’effetto di sostanze psicotrope varie. È una sorta di bonus di cui non si sentiva il bisogno, anche se nessuno ha il coraggio di dirlo apertamente.

Un parco delle meraviglie

Gli altri due dischi del triplo album, però, sono davvero una sorta di parco delle meraviglie, a partire dal brano d’apertura, I’d have you anytime, il cui testo è stato scritto da Bob Dylan. Canzoni dolenti e colme d’emozione come Isn’t it a pity si alternano ad altre scanzonate e ricche di allegria come Wah wah, che sempre la leggenda vuole sia stata scritta per sbeffeggiare Paul McCartney. Nell’album c’è anche la famosa My sweet Lord, che verrà pubblicata anche in singolo, conquisterà le classifiche di tutto il mondo, ma regalerà a George Harrison una condanna per plagio.

 

SHARE
Previous articleLascia o raddoppia? L’Italia è un quiz
Next articleOn Stage! Festival: l’America è di scena
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY