Home C'era una volta “Fly, Robin fly” e la dance da laboratorio

“Fly, Robin fly” e la dance da laboratorio

SHARE

Il 29 novembre 1975 arriva al vertice della classifica dei singoli più venduti negli Stati Uniti il brano Fly, Robin fly. Lo interpretano le Silver Convention, un trio di ragazze dalla bella voce e dalla notevole prestanza fisica che rispondono al nome di Ramona Wolf, Penny McLean e Linda Thompson.

Musica per ballare nata in un laboratorio tedesco

In realtà il nome delle interpreti non interessa a nessuno, visto che l’offerta è da acquistare così com’è: un pacchetto di musica per ballare pronta per essere consumata e poi buttata. Pur essendo tutte e tre statunitensi, le Silver Convention rappresentano il primo grande successo prodotto da un laboratorio tedesco. “Fly Robin fly” anticipa di un paio d’anni la grande esplosione della discomusic come fenomeno di massa e consente ai pragmatici produttori teutonici di rodare una macchina destinata a sfornare una quantità impressionante di successi e, soprattutto, di personaggi spesso inventati. Le tre ragazze, a ben guardare non c’entrano niente con l’operazione. Gli artefici veri delle Silver Convention sono il compositore Silvester Leavy e, soprattutto, il produttore Michael Kunze che, come un novello dottor Frankenstein, ne modifica assetto, impostazione e anche composizione quando serve.

Un segnale che i tempi stanno cambiando

Dopo il successo di Fly Robin, fly ben due terzi della formazione vengono cambiati. Penny McLean e Linda Thompson si ritrovano sostituite da Sandra Jackson e da un certa Rhonda quasi unicamente per esigenze d’immagine. Nel 1975 in pochi colgono la novità. L’operazione delle Silver Convention è uno dei primi segnali che i tempi stanno cambiando. Non basterà l’effimera fiammata del punk a interrompere quello che illustri sociologi chiameranno “riflusso”. L’industria discografica sta fornendo un formidabile supporto a un vero e proprio lavaggio del cervello delle giovani generazioni che si butteranno dietro alle spalle l’impegno dei fratelli maggiori. Il loro nuovo orizzonte sarà la sala di una discoteca e la loro musica verrà prodotta in serie. Le Silver Convention? La sigla verrà di fatto congelata in attesa di tempi migliori. Si pubblicherà qualche disco di scarso interesse e di rapido consumo, giusto per mantenerla sul mercato, ma non le si rivedrà più ai vertici delle classifiche fino al 1977 quando, sull’onda dell’exploit della discomusic la loro Get up and boogie (that’s right) le riporterà all’attenzione dei media. Le ragazze non sono più le stesse di Fly, Robin fly ma chi se ne accorge?

 

 

SHARE
Previous articleDopoguerra. Gli italiani tra speranze e disillusioni 1945-1947
Next articleIl brano che cambia la vita di Nat King Cole
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY