Dailygreen

Harpo protagonista con il FlorMart di Padova

Giunto alla 68esima edizione, anche quest’anno il Flormart riapre le sue porte: dal 21 al 23 settembre a Padova torna il salone internazionale di florovivaismo e architettura del paesaggio. Anche Harpo, azienda leader nelle soluzioni a verde pensile torna alla fiera veneta con grandi novità.

Harpo protagonista con Giardino Italia

La nuova veste del salone prevede inserimento e l’impiego dell’elemento verde per l’intero anno. Giardino Italia, una struttura che diventa spazio espositivo a tutti gli effetti: all’esterno dei padiglioni sarà possibile passeggiare tra i 3.000 mq di giardino pensile Harpo, e godersi i prodotti più significativi dell’area mediterranea. Questo spazio, realizzato interamente con i sistemi tecnologici Harpo, incarna forma e sostanza del Salone in un’esposizione permanente dedicata alla biodiversità italiana.

L’idea di Giardino Italia nasce dalla collaborazione di Flormart con l’Orto Botanico dell’Università di Padova, il più antico al mondo e oggi patrimonio dell’UNESCO. È un parco della biodiversità e una vetrina permanente per i distretti del florovivaismo. Si colloca all’interno dell’ex quartiere fieristico di Padova ed è parte integrante del progetto di riqualificazione verde dell’area. L’obiettivo è quello di rendere tangibile la grande varietà di produzione di piante italiana, resa visitabile al pubblico e ulteriormente valorizzata in occasione delle varie manifestazioni espositive organizzate in fiera.

Harpo in fiera

Oltre alla partecipazione con Giardino Italia, all’interno del salone Harpo ha curato e allestito uno stand di 200 mq in cui vengono presentati 10 sistemi tecnologici.  Centrale è, dunque, la presenza di Harpo come espositore e partner progettuale; ruoli ai quali si aggiunge quello di relatore, nella figura di Maurizio Crasso – direttore della divisione verdepensile – che interverrà per illustrare i più innovativi sistemi a verde pensile tecnologico durante il forum internazionale Ecotechgreen che si terrà venerdì 22 settembre. Tema oggetto della relazione di Maurizio Crasso sarà Il progetto del verde pensile, i substrati e la ritenzione idrica.