Home C'era una volta Il curioso caso dei coniugi Bebawi

Il curioso caso dei coniugi Bebawi

SHARE

Il mattino del 18 gennaio 1964, la segretaria della Tricotex, una società che si occupa di compravendita di lana con stabilimenti a Latina scopre il cadavere del proprio principale, Faruk Churbagi, assassinato in modo particolarmente efferato.

Un assassino che conosceva bene il luogo

Qualcuno, dopo avergli gettato del vetriolo in faccia gli ha sparato alla schiena e poi l’ha colpito a lungo sulla testa con un corpo contundente. Chi ha ucciso Churbagi conosce bene sia lui che l’ufficio, visto che la porta d’ingresso non è stata forzata. Ben presto i sospetti si fissano sui coniugi Bebawi, Yusef, un uomo di affari di successo, e la bellissima Gabrielle, detta Claire, che dopo averlo sposato a soli tredici anni, dandogli tre figli, era divenuta l’amante di Churbagi. I coniugi Bebawi vengono localizzati ad Atene ed estradati a Roma dall’Interpol. Fin dal primo interrogatorio Yusef accusa la moglie di essere l’autrice del delitto e di averla aiutata a nascondere le prove per amore e per tutelare dallo scandalo i tre figli. Clair, a sua volta, sostiene di aver visto il marito uccidere Faruk per gelosia.

Senza prove non si può condannare

Entrambe le versioni sono attendibili e, nell’impossibilità di arrivare alla verità il primo processo si conclude con l’assoluzione di entrambi per insufficienza di prove. Il loro caso divide l’opinione pubblica ed entra uno dei casi di cronaca più famosi della storia italiana degli anni Sessanta. Nel 1968 nel processo d’appello che si svolge a Firenze l’accusa sostiene la colpevolezza di entrambi, complici nell’omicidio premeditato e nella fuga. La vicenda si conclude con una condanna di ventidue anni di carcere per ciascuno dei due. Né Ysef né Claire, trasferitisi all’estero da tempo, sconteranno però mai nemmeno un giorno di pena.

SHARE
Previous articleYESLY: la smart home italiana al CES di Las Vegas
Next articleWilson Pickett, feroce, indisciplinato e sensuale alfiere della comunità nera
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY