Home Salute e Benessere Il dado da cucina fa male? Attenzione a glutammato, conservanti chimici e...

Il dado da cucina fa male? Attenzione a glutammato, conservanti chimici e glutine

SHARE
dado naturale
Il dado da cucina, quello che tutti acquistiamo al supermercato, non gode più di grande fama. Molte ricerche lo ritengono infatti causa di gravi intolleranze come la celiachia e lo classificano addirittura come alimento cancerogeno.
La nuova tendenza legata alla cucina naturale consiglia di scegliere sempre un dado che non contenga glutammatoconservanti chimici e glutine.

Il dado da cucina fa male? Attenzione a glutammato, conservanti chimici e glutine

Il dado da cucina industriale, entrato nella tradizione culinaria di quasi tutto il mondo già dalla metà del 1800 per preparare primariamente brodi vegetali e di carne, in questo periodo storico è considerato un alimento dannoso per la salute.
Le ragioni sono valide, il dado prodotto industrialmente, infatti, contiene ingredienti quali glutine, glutammato monosodico, estratto di lievito (simile al glutammato), aromi e conservanti chimici, tutti elementi che sono ormai considerati causa di intolleranze alimentari ed alla lunga risultano comunque nocivi per l’organismo.
Molti sanno, infatti, che il glutammato è utilizzato industrialmente come esaltatore di sapidita’, ovvero risulta “necessario” per coprire le carenze di gusto e la bassa qualita’ degli alimenti di base, spesso eccessivamente trasformati . Il glutammato monosodico non è ufficialmente considerato pericoloso per la salute, ma una direttiva della comunita’ europea ha preso la decisione di proibire l’uso del glutammato nei prodotti per l’infanzia, scelta assoluta che porta a riflettere.
Il glutine, inoltre, sappiamo essere causa di intolleranza al glutine stesso e causa della patologia chiamata celiachia, diffusa ormai a livello mondiale, con una prevalenza che arriva fino all’1% della popolazione.

La ricerca di Francesca Persano,“Miss Dado”, sul dado naturale

Oggi è sempre più diffuso il desiderio di un’alimentazione sana e più naturale possibile, ed il livello di informazione richiesta all’industria alimentare in relazione agli ingredienti contenuti nei cibi prodotti, è sempre maggiore. Chi predilige una cucina sana e di qualità, sceglie di conseguenza di non utilizzare affatto il dado da cucina acquistato nei supermercati, alcuni lo preparano in autonomia secondo l’amata “ricetta della nonna”, altri producono scorte di dado vegetale con il “Bimby” o altri robot da cucina, per poi refrigerarlo.
Francesca Persano, giovane torinese, ha condotto per ben 4 anni una ricerca per ottenere un prodotto del tutto naturale, frutto del connubio tra innovazione e tradizione: il dado da cucina di qualità.
Durante la nostra ricerca sulle tendenze legate alla cucina naturale, scopriamo il risultato del lavoro di Francesca, diventata “Miss Dado”proprio per il suo impegno iniziato ben 4 anni fa e per il suo desiderio di dare la possibilità, a chi ama cucinare, di poter usare un ottimo dado senza però rinunciare ad ingredienti salutari e di alta qualità.
Le verdure e le spezie utilizzate da Miss Dado sono fresche ed elaborate poco dopo esser state raccolte, in modo da mantenerne intatti gusto e qualità, senza quindi la necessità di utilizzo di glutammato. Il metodo di preparazione del suo dado è segreto, proprio perché frutto di anni di esperimenti culinari e ricerca che hanno portato ad un risultato ottimo che, a nostro parere, supera quelli ottenuti fino ad oggi nella produzione di dado da cucina granulare o in pasta.
Per la preparazione autonoma di un buon brodo vegetale senza utilizzare il dado da cucina o per la preparazione casalinga del dado stesso, è necessario avere tempo a disposizione, sia per la ricerca di buone materie prime, sia per cucinarlo.
Miss Dado ha fatto già tutto questo per noi, per farci risparmiare tempo ed energie, mettendoci il suo tocco delicato e creativo: ha trasformato un comune ingrediente da cucina come il dado da cucina vegetale in un prodotto di qualità, 100% naturale, senza glutine, senza glutammato e senza conservanti chimici, a bassissimo contenuto di sale e che si conserva grazie ad aceto ed olio d’oliva, inoltre non vi è traccia di olio di palma o di grassi idrogenati. Il risultato è un prodotto culinario affidabile, equilibrato, che non si sovrappone al sapore delle pietanze, bensì lo esalta.
L’amore di Miss Dado per la cucina di qualità la spinge inoltre a rinnovare costantemente la sua ricerca, sperimentando nuovi gusti e diverse declinazioni del suo dado naturale: recentemente è uscita in commercio la versione al curry ed altre gustosissime varianti saranno presto disponibili.
La freschezza e la genuinità delle materie prime ed il procedimento accurato della loro trasformazione rendono il prodotto Miss Dado davvero unico ed anche chi, per scelta, non utilizza il dado in cucina, se ne innamora, arrivando a considerarlo non solo un ausilio in caso di mancanza di tempo a disposizione, ma un ingrediente culinario che rende speciali le proprie pietanze.
Un esempio: il Laboratorio Gastronomico dei Fratelli Bianco, rinomati pastai della provincia di Cuneo, ha scelto Miss Dado per la produzione della pasta fresca ripiena, perché desiderosi di proporre ai propri clienti ravioli e agnolotti di alta qualità, con un ripieno senza traccia di glutammato.
Scopri il mondo di Miss Dado

LEAVE A REPLY