Home Salute e Benessere Il finocchio, un rimedio contro la flautolenza

Il finocchio, un rimedio contro la flautolenza

SHARE
Il finocchio contro la flautolenza

Il finocchio è un potente toccasana naturale, un preziosissimo alleato della nostra salute: dal sapore fresco ma deciso.

Foenicum vulgare Miller, appartiene alla famiglia delle Umbrelliferae a seconda della regione prende diversi nomi; f’noj(Piemonte), scartoccini(Lombardia), fenocio(Veneto), madaro(Calabria).

Il finocchio, notissima pianta alimentare, deve le sue proprietà salutari ai frutti e alla radice, che è un valido diuretico.

Contiene anetolo, fencone, limonene e pinene.

I frutti stimolano l’appetito, favoriscono la digestione, e bloccano i processi fermentativi intestinali, sono utili anche per sedare dolori addominali e frenare vomito e singhiozzo.

Usati esternamente, i frutti stimolano la circolazione e disinfettano la pelle.

I frutti vengono usati soprattutto nella preparazione dei liquorie anche in terapia in tre diverse patologie; disturbi gastrointestinali, stimolazione della motilità; pesantezza di stomaco, flatulenza; infiammazione delle vie aeree superiori.

Nell’infanzia vengono eseguiti preparati in sciroppo o mielenei casi di infiammazione delle vie aeree con eccessiva produzione di muco.

I CONSIGLI DEL FARMACISTA

Le preparazioni ottenute dai frutti vanno usate nelle giuste proporzioni in quanto potrebbero essere leggermente narcotiche.

Uso interno

La radice come diuretico

Decotto: 3 g in 100 ml di acqua. Due, tre tazze al giorno.

Uso interno

I frutti come aperitivo e digestivo, antispasmodico e antifermentativo intestinale.

Infuso : 1 g in 100 ml di acqua,una tazzina prima dei pasti,una tazza all’occorrenza dei crampi addominali.

Uso esterno

I frutti per le palpebre infiammate,per l’alito cattivo

Infuso : 2g in 100 ml di acqua. Fare sciacqui, gargarismi, lavaggi.

 

Uso cosmetico

Un bagno stimolante,deodorante e purificante si può preparare mettendo in infusione nell’acqua calda una manciata di frutti.

LE ERBE IN CUCINA

Finocchi fritti

Tempo di preparazione 1 ora

Occorrente per 4 persone

4 finocchi medi

2 uova

2 cucchiate di farina

Un po’ di latte

1 cucchiaiata di semi di finocchio

Olio di semi per friggere, sale e pepe

Preparazione

Eliminate i gambi dei finocchi,lefoglie,e lavateli.Immergeteli in acqua bollente leggermente salata e fateli cuocere per circa 20 minuti. Controllate la cottura punzecchiandoli con la forchetta. Scolateli bene e tagliateli a spicchi .

Sbattete in una terrina le uova,unitevi la farina e diluite con  un bicchiere di latte.

Mescolate e unite i semi di finocchio e pepe. Immergete in questa pastella gli spicchi di finocchio e rimescolate.

Metteta al fuoco una padella con abbondante olio e, una volta caldo, immergetevi gli spicchi di finocchio.

Fateli friggere finché saranno dorati, disponeteli su un piatto e spolverate con sale.

Buon appetito

SHARE
Previous articleRick Wakeman, lo stregone delle tastiere
Next articleCaleffi presenta Green
Antonella Danese
Sono una giovane farmacista, appassionata di erbe, piante e rimedi naturali. Sono convinta che la salute passi per una giusta informazione e non tutti sono a conoscenza delle proprietà e delle mille potenzialità che offre la Natura. Per Daily Green sono lieta di curare la rubrica Eco Da Te con una serie di consigli utili (ed anche ricette tutte da provare) per il vostro benessere.

LEAVE A REPLY