Home C'era una volta Ina Ray Hutton e la sua orchestra di sole donne

Ina Ray Hutton e la sua orchestra di sole donne

SHARE

Il 13 marzo 1916 nasce a Chicago, in Illinois, la pianista, cantante e ballerina Ina Ray Hutton, registrata all’anagrafe con il nome di Odessa Cowan.

La bomba bionda del ritmo

Bellissima e affascinante è soprannominata The Blonde Bombshell of Rhythm (la bomba bionda del ritmo). Nel 1934 viene scritturata dall’impresario Irving Mills che la propone in un modo decisamente singolare. Di fronte a un’orchestra di sole donne dirige balla e canta mandando in visibilio gli spettatori. Il direttore musicale e l’arrangiatore della formazione che si chiama Ina Ray Hutton and Her Melodears, è Alex Hill.

L’ingaggio di sua sorella

L’orchestra ottiene un grande successo, partecipa a vari film e nel 1935 conquista con una leggendaria tournée anche l’Europa. Dal 1937 al 1939, Ina Ray Hutton dirige un’altra orchestra con sua sorella June Hutton nel ruolo di cantante solista. Nel 1939 dà vita a una terza formazione, questa volta maschile. Nel 1945 sposa il trombettista Randy Brooks e per qualche tempo si ritira dalle scene. Alla fine degli anni Quaranta torna a esibirsi e per tutti gli anni cinquanta la sua orchestra composta da sole donne è richiestissima ovunque. Negli anni Sessanta inizia il declino. Muore il 19 febbraio 1984

 

SHARE
Previous articleBob Graettinger, il compositore preferito da Stan Kenton
Next articleFinalmente a Roma un mese tutto fotografico
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY