Home Ricette Involtini di carciofi

Involtini di carciofi

SHARE
Carciofo

Involtini di carciofi

Ecco un secondo piatto piuttosto insolito, di non difficile realizzazione e per
soprammercato nemmeno troppo costoso. Indicato per i single, per chi ha fretta, ma
anche per chi vuole “sorprendere” senza spendere.
Ingredienti per quattro persone:
6 grossi carciofi romaneschi o lequivalente in peso se si tratta di carciofi più piccoli
Formaggio grana tagliato sottile
Prosciutto crudo tagliato sottile
1 uovo
Pangrattato
1 o 2 limoni
Carciofi
Nella versione green” potete provare ad eliminare il prosciutto, ma secondo me non
è la stessa cosa!
Togliete le foglie più dure dei carciofi e tagliateli a spicchi asportandone il fieno
eventuale. Metteteli quindi in un recipiente con dell’acqua e succo di limone per
evitare che anneriscano.
Dopo circa un’ora, scolate gli spicchi e buttateli in una pentola di acqua bollente
leggermente salata. Fateli bollire per tre-cinque minuti, quindi estraeteli con una
schiumarola e fateli asciugare su un panno.
Ponete poi su ogni spicchio di carciofo una fettina di formaggio grana, sottile al
limite della trasparenza. Avvolgete quindi ogni spicchio in una fettina di prosciutto
crudo tagliato sottile.
A questo punto, passate ogni spicchio nelluovo sbattuto e nel pane grattugiato,
quindi friggeteli in olio di semi bollente fino a che non inizieranno a rosolarsi
leggermente (ma non troppo!) da ogni lato.
Sprizzate leggermente con succo di limone e servite.
Tegame di scrittore non ancora bollito è disponibile in E-book a 2,99 su tutti i principali portali on line.
Ricette
SHARE
Previous articleNanni (Askoll): “Crediamo nella mobilità sostenibile”
Next articleL’acqua… non è un liquido
Niky Marcelli
Niky Marcelli, giornalista e scrittore, è nato a Milano ma si è trasferito quasi subito a New York e successivamente a Roma, dove ha risieduto fino al 2004, prima di coronare la sua vecchia aspirazione di andare a vivere in campagna. Cronista investigativo e critico di spettacolo, è stato uno dei «padri fondatori», nonché caporedattore, del settimanale satirico e di controinformazione «La Peste», per il quale ha firmato numerose inchieste. Ha collaborato successivamente con i quotidiani «L’Umanità», «Il Giornale d’Italia», «L’Avanti», «Libero»; con i periodici «Audrey», «Avvenimenti» e con molte trasmissioni di successo della Rai, tra cui «Via Teulada 66», «Piacere Rai Uno», «In Famiglia», «Domenica In». Come autore ha firmato nel 1993 il primo varietà prodotto e trasmesso dall’allora Tele Monte Carlo: «Specchio delle mie brame» - in collaborazione con l'agenzia Elite di John Casablancas - e, in teatro, la commedia «Capolinea», rappresentata con successo nelle stagioni 1997/98 e 1998/99. Nel 2003, per i tipi di Maretti, è uscita la sua raccolta di racconti «Sotto la pergola del bar che non c’è più». Dal 2004 al 2007 ha diretto l’agenzia web «Lo Sport». Dal 2003 al 2010 ha collaborato con il settimanale di satira politica «Veleno». Nel 2013, per i tipi di TEKE, è uscito il suo giallo “L’Ultimo Swing”. Nel mese di luglio 2015, sempre per i tipi di TEKE, pubblica il romanzo “La Contessa Rossa”. A maggio 2016, pubblica in e-book, la raccolta di racconti “Il senso di Giulio per Camilla” e il manuale di cucina “Tegame di scrittore non ancora bollito”.

LEAVE A REPLY