Home C'era una volta Jerry Lee Lewis, Elvis e una Derringer

Jerry Lee Lewis, Elvis e una Derringer

SHARE

Mentre le prime luci dell’alba del 23 novembre 1976 cominciano a spazzare via il nero dall’orizzonte un anonimo cittadino segnala la presenza di uno strano tipo lungo la recinzione che difende il giardino di Graceland, la estesa tenuta nella quale vive il suo esilio dorato Elvis Presley.

C’è un pazzo vicino alla villa di Elvis

Prima ancora di verificare la veridicità della telefonata le trasmittenti della polizia di Memphis lanciano l’allarme «Sembra che ci sia un pazzo nei pressi della villa di Elvis». L’ordine è quello di fare una verifica senza dare troppo nell’occhio e, soprattutto, senza disturbare l’illustre concittadino. Quando i primi agenti arrivano nelle vicinanze della recinzione della villa è giorno pieno. Non ci sono dubbi: un uomo visibilmente alterato sta chiamando Elvis Presley ad alta voce con in mano una Derringer, una pistola di ridotte dimensioni ma sufficiente a colpire e a uccidere. La situazione è decisamente critica. Quasi tutte le pattuglie in servizio nelle strade di Memphis convergono sul luogo e circondano lo sconosciuto che, visibilmente alterato, si guarda attorno, ride, piange, urla e brandendo la pistola continua a chiamare ad alta voce «The king», il re. Chi è? Cosa vuole? Mentre iniziano febbrili trattative perché getti la pistola e si lasci accompagnare a casa un agente appassionato di rock and roll lo riconosce: è Jerry Lee Lewis, The Killer, l’alfiere bianco del rock and roll più trasgressivo e meno rassicurante degli anni Cinquanta. I

Volevo solo chiarire alcune cose…

ll giorno prima è finito in un fossato con la sua Rolls Royce e, dopo essere stato arrestato per guida in stato di ubriachezza, è stato rilasciato da non più di dieci ore. Sostiene di avere un paio di cosette da chiarire con «il re del rock and roll», ma quando gli agenti gli si avvicinano non oppone resistenza e si lascia portare via. L’episodio provocherà l’ennesima campagna di stampa contro Jerry Lee Lewis, un artista inviso al music business per la sua incapacità di sottostare alle regole del mercato. Come sempre verrà dato per finito e qualche anno dopo dovrà sottostare a una difficilissima operazione allo stomaco, ma non sarà così. Negli anni Ottanta “Great ball of fire”, un film su di lui interpretato da Dennis Quaid lo riporterà alla ribalta. Per il vecchio “Killer” sarà la terza resurrezione della carriera.

 

 

SHARE
Previous article#ItaliaRipensaci, Lisa Clark ai sindaci: “Aderite alla campagna”
Next articleGreenbooking, al via le piantumazioni in Romagna
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY