Home C'era una volta Jimmy Archey, il trombone di “This is jazz”

Jimmy Archey, il trombone di “This is jazz”

SHARE

Il 12 ottobre 1902 a Norfolk, in Virginia nasce il trombonista James Archey, detto Jimmy, una delle migliori espressioni del cosiddetto Harlem Style.

Il successo nel jazz tradizionale

Jimmy deve la maggior parte della sua grande popolarità a Rudi Blesh che nel 1947 lo chiama a far parte del gruppo stabile del programma radiofonico “This Is Jazz”, nel quale si esibiscono tutte le stelle del jazz tradizionale. Dopo aver frequentato l’Hampton Institute ottiene la sua prima scrittura a sedici anni nell’orchestra di Edgar Hayes. Successivamente dopo aver suonato nelle orchestre di Arthur Gibbs e di Joe Steele, nel 1928 entra nella formazione di King Oliver con la quale resta fino al 1937. Non è quello il periodo migliore per  la big band di Oliver che sembra aver perso molto dello smalto di un tempo e tende a vivacchiare sull’antica gloria. L’orchestra appare prigioniera degli umori e delle ansie del suo leader che fatica a stare al passo con i tempi e non accetta di buon grado l’irrompere sulla scena di altri cornettisti, primo fra tutti il suo amico e avversario Louis Armstrong.

Protagonista della fase iniziale dello swing

Nonostante tutto questa esperienza consente però ad Archey di apprendere e assimilare gli elementi più positivi del “New Orleans Style” anche se la sua versatilità lo porterà progressivamente ad allontanarsi dalla classicità un po’ rigida per diventare uno degli esponenti del più moderno, pur se fedele ai canoni del jazz tradizionale, “Harlem Style”. Alla sua evoluzione non è estranea la partecipazione alla fase originaria dello swing con le orchestre di Oliver e di Russell. Chiusa l’esperienza con Oliver e Russell suona nel già citato gruppo del programma radiofonico “This Is Jazz” e, senza troppi impegni, con Armstrong, Willie Bryant, Benny Carter, Claude Hopkins e Milton Mezzrow. Nel 1955 entra a far parte dell’orchestra di Earl Hines con la quale resta fino al 1962, anno in cui deve rallentare l’attività perché le sue condizioni di salute cominciano a peggiorare. Il 6 novembre 1967 muore nel New Jersey

 

SHARE
Previous articleInnocent: frutta da bere 100% naturale
Next articleFrantoi aperti a Giano dell’Umbria
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY