Home Mediagallery La Rouge Vegan Chef e la sua passione per la cucina thai

La Rouge Vegan Chef e la sua passione per la cucina thai

SHARE
Rouge Vegan Chef

Rouge Vegan Chef, nome d’arte di Serena Ferrara, è una giovane cuoca romana con radici napoletane, pasticcera per tradizione e vegan chef per scelta.

La sua specialità è il cibo vegano e vegetariano “smart” da consegnare a domicilio: la chiami, scegli il menù che preferisci, fissi la data, l’orario e lei ti porta tutto a casa già pronto per essere messo in tavola.

Questa settimana Serena, la nostra Rouge Vegan Chef, ci racconta la sua passione per i sapori della cucina thailandese e dei suoi piatti rivisitati in chiave vegan, senza l’utilizzo di prodotti animali e, come sempre, ci regala una delle sue ricette thai per viaggiare attraverso i colori e i sapori della Thailandia.

Rouge Vegan ChefSerena, dove hai imparato a cucinare thailandese?

Mi sono  avvicinata alla cucina thai grazie ad un mio amico che ha una frequentazione decennale della Thailandia e che è appassionato della cucina di quei luoghi: si chiama Massimo Innocenti ed è davvero molto bravo. Massimo mi sta aprendo le porte di questa cucina che non conoscevo e di cui ho scoperto dei sapori incredibili. Dalla sua esperienza, unita alla mia visione del cruelty free, cioè di mangiare senza alcun derivato animale, è nata una forte empatia ed abbiamo cominciato a creare pietanze. Abbiamo ripreso diversi piatti locali, tipici della tradizione thailandese e li abbiamo trasformati secondo la nostra consapevolezza e sensibilità. Solo dopo, andando a sbirciare in tanti siti, abbiamo scoperto che la nostra creatività aveva sposato tante fusioni esistenti. Il thai vegano esiste in tutti gli stati americani, per esempio, mentre da noi non è molto conosciuto. Il thai usa maiale, pollo e pesce come basi per tanti tipi di pietanze ma anche molte verdure, spaghetti di riso, di soia, latte di cocco e tofu. Noi non abbiamo tolto i sapori, non abbiamo cercato di stravolgere le ricette mettendo qualcosa di italiano ma ci siamo immersi in questa cultura utilizzando quelle che sono le loro materie prime come il lemon grass o la galanga (una radice dal sapore pungente molto simile allo zenzero), spezie di difficile reperibilità in Italia. Ma anche latte di cocco e il lime.

Rouge Vegan Chef

Questa tua passione per il thai è nata grazie a questo tuo amico?

Sì, non conoscevo questo tipo di piatti. Parlando tanto di questa sua passione per la Thailandia, la terra del sorriso, ad un certo punto ci siamo detti: perché non provare il thai vegano? E così abbiamo iniziato a sperimentare, ci incontravamo e ci mettevamo a cucinare, provando più e più volte. Una sorta di laboratorio sperimentale… Ovviamente Massimo mi ha fatto da maestro e tale continua ad essere. Però io sono forte sul dolce thailandese, mi occupo più di quello. Chi ha provato le nostre ricette ci ha dato un feedback molto positivo!

Ti piacerebbe visitare la Thailandia?

Sì, eccome! Anche perché scoprire che esistono tanti latti di cocco, in funzione di dove è cresciuta la pianta, è una scoperta che mi affascina. Il sapore del frutto dipende se la pianta cresce vicino al mare o all’interno. Se si trova nei pressi del mare, il cocco è più salato, altrimenti è più dolce. Per me è un cosa meravigliosa. E poi tutte quelle spezie, con tutti quei sapori! Un vero paradiso per me. La cucina thailandese è una cucina ricercata e delicata. In Italia è facile gustare la cucina Tailandese all’interno dei ristoranti orientali (cinesi e giapponesi) che tendono a occidentalizzare i sapori allontanandosi dal gusto originale tailandese. Massimo Innocenti invece è un conoscitore di vera cucina thai, grazie alla sua diretta e decennale esperienza.

La Rouge Vegan ChefC’è una richiesta per la cucina thai vegan, le persone sono curiose?

Sicuramente per noi è una sfida e come ogni sfida, dobbiamo superarla: vinci su te stesso e sii felice. La sfida è fare conoscere la cucina thai vegan e credo proprio che ci riusciremo… Piace, semplicemente! E poi bisogna dire che è soprattutto una cucina sana.

Considera che gli alimenti principali sono riso, verdure, latte di cocco, spezie… Tanti i curry: giallo, verde, rosso Masaman, Panang o Red (rosso e più o meno piccante). Sono delle paste che oltre ad essere sciolte all’interno del latte di cocco, vengono usate anche per altre pietanze con verdure, carni o pesce. Tutti questi tipi di curry, possono essere contemplati nella cucina vegan utilizzando solo varietà di verdure, conservando il gusto speziato originale dei vari piatti.  Non vengono utilizzati grassi particolari. Siamo in linea con un’alimentazione salutare, buddista. Stiamo lavorando ad un evento per diffondere questa tipologia di cucina ad una ristretta cerchia di persone, stiamo cercando delle scuole di cucina e degli spazi per lanciarci!

E a tutti i lettori di dailygreen.it Serena Ferrara regala una delle sue ricette thai vegan. Siete pronti?

Ingredienti per preparare lo Sticky Rice
  • 1 tazzina di riso glutinoso
  • 1 mango giallo
  • 250 ml di latte di cocco
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 pizzico di sale
 
  1. Mettete il riso in una ciotola e aggiungete l’acqua. Lasciate riposare per almeno 40 minuti (ed anche fino a 3 ore se avete tempo).
  2. Scolate il riso e mettetelo in una pentola; versate il latte di cocco, aggiungete lo zucchero e il sale e cuocete riso per 10 minuti.
  3. Spegnete il fuoco e lasciate riposare e raffreddare.
  4. Tagliate il mango lungo il nocciolo centrale.
  5. In un piatto adagiate del riso.
  6. Aggiungete il mango tagliato a fette.

Ora non vi resta altro che gustarvi il vostro Sticky Rice! Buon appetito!

 

Se ti piace la cucina thai e vuoi provare i suoi sapori contatta Serena Ferrara.

Se sei un locale, un ristorante, un privato, una scuola di thai chi, un’organizzatore di una mostra d’arte sulla Thailandia… non esitare a chiamare La Rouge Vegan Chef!

Per contattare Serena

  • ferraraserena@gmail.com
  • 347 1032585

 

LEAVE A REPLY