Home Spazio Imprese L’Antina: usato, swap party, riciclo e iniziative solidali a Vigevano

L’Antina: usato, swap party, riciclo e iniziative solidali a Vigevano

SHARE
L'Antina usato

Mancano pochi giorni all’apertura de L’Antina, un piccolo negozio che sorgerà nel centro storico di Vigevano e che proporrà capi di abbigliamento usato di qualità ma anche accessori realizzati con materiali di recupero, swap party, laboratori riciclosi e iniziative di solidarietà.

L’Antina: usato, swap party, riciclo e iniziative solidali

L’appuntamento con la festa di inaugurazione di L’Antina è per il 17 settembre a partire dalle 16, in Via del Popolo 8. In negozio, oltre ad un ricco buffet e a tanti palloncini sagomati per tutti i bambini, sarà disponibile il calendario completo di tutte le iniziative in programma, dal 20 settembre anche on line sul sito lantina.it.

Locandina_inaugurazioneA L’Antina, sabato 1° ottobre, verrà celebrato il Giorno del Dono

Nei mesi di settembre e ottobre sono già previsti uno swap party, dei laboratori per bambini (uno dei quali dedicato alla rassegna letteraria di Vigevano) e una speciale iniziativa di solidarietà in occasione del Giorno del Dono, che in Italia – unico Paese al mondo ad averlo stabilito per legge nel 2015 – si celebra il 4 ottobre. Il Giorno del Dono, promosso dall’Istituto Italiano della Donazione, quest’anno sarà accolto e festeggiato con una grande maratona di iniziative in tutta Italia organizzate tra il 23 settembre e il 7 ottobre.

In negozio, chi lo vorrà potrà proporre il proprio usato venendo pagato immediatamente in contanti in base ad un tariffario trasparente. In negozio saranno inoltre allestiti un angolo del baratto e un piccolo spazio dove i bambini potranno realizzare gratuitamente dei piccoli giochi partendo da materiali di recupero.

Dietro l’Antina c’è il desiderio non solo di ridare vita ai capi di abbigliamento che occupano spazio nei nostri armadi, ma anche di sensibilizzare ad un approccio responsabile al consumo e di condividere idee creative con cui evitare di riempire inutilmente i bidoni della spazzatura” spiega Maddalena, la titolare.

L’acquisto compulsivo, e spesso disattento, di capi di abbigliamento realizzati chissà come e chissà dove è dannoso non solo per il portafoglio ma anche per l’ambiente e per la nostra salute. Comprare usato – soprattutto quando selezionato, trattato nel modo giusto e magari personalizzato – permette di invertire questa tendenza senza rinunciare al proprio stile. C’è davvero tantissima scelta!”.

LEAVE A REPLY