Home Ricette Primi Lasagna di Niky Marcelli

Lasagna di Niky Marcelli

SHARE
Lasagna

Questa settimana per voi la lasagna del nostro Niky Marcelli.

Allora, siete pronti? Vi insegno a fare la lasagna! Almeno, nella maniera in cui la faccio io. Mettevi comodi, che non sarà una cosa veloce, non è un piatto per “single”. A meno che il single in questione non abbia ospiti a cena!

 

Ingredienti per due persone:

2 confezioni di sfoglia per lasagne (ma se volete tirare la pasta a mano, meglio ancora!)

250gr di macinato di carne

2 fiordilatte o mozzarella di bufala

1 bottiglia di conserva di pomodoro

Parmigiano grattugiato

1 carota

1 cipolla bianca

Olio extravergine di oliva

lasagnaLa prima cosa da fare è preparare il ragù. Ed è anche la più complicata, perché un ottimo ragù andrebbe iniziato a preparare dalla sera precedente. Ma anche la mattina presto va bene, se contate di preparare la lasagna per cena.

Dopo colazione, quindi, fate un battuto con la cipolla e la carota. Qualcuno ci metterebbe anche il sedano ma a me fa cordialmente schifo, pertanto….

Fate poi soffriggere il battuto a fuoco lento nell’olio, con un pizzico di sale, fino a che le cipolle non si saranno imbiondite e ammosciate. A quel punto aggiungete la carne e lasciate cuocere a fuoco bassissimo, coprendo il tegame. Controllate ogni tanto. Quando la carne sarà ben cotta, aggiungete il pomodoro.

FATE ATTENZIONE!!! Il segreto di un buon sugo (sia esso ragù o pomodoro semplice) risiede nel NON rovesciare di colpo tutto il contenuto della bottiglia (o del barattolo) dentro al tegame, ma incorporarlo poco alla volta, con lentezza, girando dolcemente con un cucchiaio di legno.

Lasciate a cuocere a fuoco bassissimo e con il tegame coperto per almeno un’ora, meglio se due, controllando periodicamente e regolarmente che il sugo non bruci o non si attacchi alla pentola. Durante questi controlli periodici (ogni 5-10 minuti circa), girate il ragù con il cucchiaio di legno.

Quando vi sembrerà che il ragù sia ben “tirato”, spegnete il fuoco e lasciatelo riposare nella pentola coperta fino al momento dell’utilizzo.

Adesso potete andare a spendere la vostra giornata come più ritenete opportuno.

Rientrerete un paio d’ore prima dell’orario fissato per la cena, per proseguire la preparazione della lasagna.

Tagliate a fettine la mozzarella e tenetela a portata di mano.

Prendete una teglia della giusta dimensione e spennellatene il fondo con un po’ di ragù. Disponete quindi uno strato si sfoglia, su cui metterete uno strato di mozzarella, poi uno strato di ragù e uno strato di parmigiano. Sopra a tutto ciò, disporrete un altro strato di sfoglia, uno di mozzarella, uno di ragù, uno di parmigiano. E così via, fino a formare il “corpus” della lasagna.

Infilate la teglia nel forno a 150-200 gradi e lasciate cuocere per una ventina di minuti.

Controllate la cottura della sfoglia (se necessario, reinfornatela altri dieci minuti), quindi togliete la lasagna dal forno, fatela riposare qualche minuto e portatela in tavola.

 

(N.B. Nella versione “green” si può sostituire il ragù con del normale sugo di pomodoro. Se ben cucinato, viene bene lo stesso!)

Niky Marcelli

 

 

 

 

 

 

 

Tegame di scrittore non ancora bollito è disponibile in E-book su tutti i principali portali on line.

 

SHARE
Previous articleA Londra i nuovi autobus vanno… a caffè
Next articleNick Drake, una timida nuvola bionda
Niky Marcelli
Niky Marcelli, giornalista e scrittore, è nato a Milano ma si è trasferito quasi subito a New York e successivamente a Roma, dove ha risieduto fino al 2004, prima di coronare la sua vecchia aspirazione di andare a vivere in campagna. Cronista investigativo e critico di spettacolo, è stato uno dei «padri fondatori», nonché caporedattore, del settimanale satirico e di controinformazione «La Peste», per il quale ha firmato numerose inchieste. Ha collaborato successivamente con i quotidiani «L’Umanità», «Il Giornale d’Italia», «L’Avanti», «Libero»; con i periodici «Audrey», «Avvenimenti» e con molte trasmissioni di successo della Rai, tra cui «Via Teulada 66», «Piacere Rai Uno», «In Famiglia», «Domenica In». Come autore ha firmato nel 1993 il primo varietà prodotto e trasmesso dall’allora Tele Monte Carlo: «Specchio delle mie brame» - in collaborazione con l'agenzia Elite di John Casablancas - e, in teatro, la commedia «Capolinea», rappresentata con successo nelle stagioni 1997/98 e 1998/99. Nel 2003, per i tipi di Maretti, è uscita la sua raccolta di racconti «Sotto la pergola del bar che non c’è più». Dal 2004 al 2007 ha diretto l’agenzia web «Lo Sport». Dal 2003 al 2010 ha collaborato con il settimanale di satira politica «Veleno». Nel 2013, per i tipi di TEKE, è uscito il suo giallo “L’Ultimo Swing”. Nel mese di luglio 2015, sempre per i tipi di TEKE, pubblica il romanzo “La Contessa Rossa”. A maggio 2016, pubblica in e-book, la raccolta di racconti “Il senso di Giulio per Camilla” e il manuale di cucina “Tegame di scrittore non ancora bollito”.

LEAVE A REPLY