Home C'era una volta Le polemiche su “L’internazionale” in italiano

Le polemiche su “L’internazionale” in italiano

SHARE

Il 1° maggio 1921 il giornale “L’Ordine Nuovo”, diretto da Antonio Gramsci, pubblica per la prima volta una versione italiana de L’Internazionale firmata da Bergeret che suscita reazioni discordanti. I puristi storcono il naso accusano il giornale di aver tradito lo spirito del brano diffondendone una versione non troppo aderente al testo originario francese. La scelta però non è casuale. Scriverà infatti Antonio Gramsci nei “Quaderni del carcere” che i canti popolari non sono quelli scritti e ragionati a tavolino, ma quelli che il popolo adotta come suoi «perché conformi alla sua maniera di pensare e di sentire».

Il senso della cultura popolare

L’analisi gramsciana del canto popolare ha alla base un ragionamento guida: «ciò che contraddistingue il canto popolare, nel quadro di una nazione e della sua cultura, non è il fatto artistico, né l’origine storica, ma il suo modo di concepire il mondo e la vita in contrasto con la società ufficiale». Se non si comprende il senso profondo di questa concezione che è politica, ma non solo, si finisce per non capire la ragione per cui, tra le tante versioni italiane de L’internazionale, alcune delle quali sicuramente più aderenti all’originale francese di Eugène Pottier, “L’Ordine Nuovo” pubblichi il testo firmato Bergeret, uno pseudonimo che a detta di Raffaele Mario Offidani (Spartacus Picenus), ma anche di Cesare Bermani, nasconde il nome di Umberto Zanni, uno dei collaboratori della “Rassegna popolare del socialismo”. Non è una traduzione originale letterariamente corretta, ma, come si diceva a quei tempi, una “traduzione libera”. Viene scelta tra molte altre perché è risultata vincitrice nell’ottobre 1907 del concorso bandito dal giornale “L’Asino” per le migliori parole italiane dell’inno e viene adottata dal Partito Socialista Italiano. Non ci sono dubbi che altre versioni fossero più fedeli al testo francese scritto da Eugène Pottier, nel giugno 1871, mentre era nascosto a Parigi per sfuggire alla repressione contro la Comune. È il caso di quella che inizia «Su! Sofferenti della terra!», considerata oggi come una sorta di versione anarchica del canto e pubblicata con almeno tre titoli diversi: L’Internazionale, Su, sofferenti! e Germinal. Altri testi hanno avuto riconoscimenti ufficiali come quella che inizia con «Sorgete, o miseri del mondo!», di Spartacus Picenus, cioè Raffaele Mario Offidani, adottata nel 1919 come inno della Federazione italiana giovanile socialista. Tuttavia solo quella di Bergeret è divenuta davvero un canto popolare nel senso che Gramsci attribuiva a questa parola.

Un brano che ha superato il tempo

Ha superato il tempo e i limiti della stessa struttura testuale, che oggi risulta arcaica nella sua costruzione, per diventare patrimonio di tutti al punto che, se si segue il criterio introdotto da Lomax, che stabilisce una divisione netta tra la ricostruzione storico filologica e lo stato di fatto, non è errato considerarla ormai un brano “tradizionale” e come tale indicarlo. La musica poi ha travalicato le frontiere del tempo, dello spazio e dei generi musicali fino a entrare anche nella storia del rock con le versioni del britannico Billy Bragg e degli italiani Area.

 

SHARE
Previous articleDue tappe in Italia per il progetto Arashi
Next articleBing Crosby, la voce del pop bianco
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY