Home Punti di vista Luca Barbarossa: «Il mio impatto è a km zero»

Luca Barbarossa: «Il mio impatto è a km zero»

SHARE
luca barbarossa

Luca Barbarossa cantautore, intrattenitore e conduttore è impegnato anche sull’ecologia. Questa l’intervista di Daily Green.

Ti immaginiamo molto impegnato e sempre di corsa, è così? E vai di corsa anche nella vita di tutti i giorni?
No, non amo correre, ma spesso mi capita di avere molti impegni e ogni volta che succede mi maledico un po’…. poi penso che sono fortunato perché faccio cose molto diverse tra loro e certamente non mi annoio. Scrivo e canto canzoni, conduco Radio 2 Social Club con Perrone e  “gioco” in teatro col mio amico\genio Neri Marcorè!

luca barbarossa

Per rilassarti sceglieresti una giornata nella natura o lo shopping nel caos cittadino?
Si, lo shopping mi affascina è vero, ma mi stanco subito. Spendere il mio tempo libero al mare o in montagna invece mi da quell’idea di infinito di cui ho bisogno…. quindi si…. scelgo la natura, decisamente.

Tu hai tre figli, come immagini il loro futuro? Credi che la politica si stia impegnando nella greeneconomy?
Il futuro dei miei figli mi preoccupa non poco; a loro vorrei dare l’opportunità di imparare molte lingue e poi…..pedalare per il mondo! E certamente mi piacerebbe molto che la politica fosse davvero attiva in questo campo, ma la vedo dura. Purtroppo siamo ormai un paese per vecchi e poi i nostri politici si occupano di greeneconomy in modo sempre ambiguo: un giorno la incoraggiano ed il giorno dopo tagliano le risorse: come al solito si fa meglio in altri paesi europei. Io potrei definirmi pessimista praticante…. Se pensiamo che Berlusconi si è fatto vendere da Sarkozy un sistema nucleare che  era già vecchio tren’anni fa! Ci siamo salvati con il referendum? Speriamo!

In casa fate la raccolta differenziata? Sapete in quale contenitore mettere le lampadine usate o i bicchieri di carta? Insegni ai tuoi figli a non lasciare scorrere l’acqua mentre si lavano i denti?
La differenziata la facciamo, ma abbiate pietà di me e non fatemi domande difficili.

Cos’è che fai di ecologicamente corretto nella tua giornata?
Di corretto diciamo che sto sempre molto attento ai consumi, la tirchieria aiuta molto in questi casi! E poi posso dire a mia discolpa che uso molto poco la macchina ed in famiglia abbiamo scelto scuole, corsi di musica e d’inglese tutti a chilometri zero cioè tutto raggiungibile a piedi.

E di scorretto?
Ma si, veniamo alle magagne! Abito in un attico e il condizionatore me lo devo sparare per forza e poi…. vado pazzo per il foie gras e me ne vergogno: chiedo scusa alle oche! E chissà quante altre cose farò che non si devono fare. Chiuderei alla Billy Wilder : ‘nessuno è perfetto’. Forse finirò all’inferno, circondato dalle oche che mi beccheranno per l’eternità…

…Per concludere, oltre a fare i nostri auguri a Luca per la sua scoppiettante carriera e per il suo nuovo album Radio Duets “musica libera” lo vogliamo incoraggiare perché ci sembra comunque sulla buona strada per diventare davvero “green”…

1 COMMENT

  1. Mi chiedo con che coraggio un giornale che si chiama Dailygreen dia spazio a chi dichiara di mangiare il foie gras. A nessuno della redazione è venuto in mente di bandire questo personaggio? E’ la solita storia “Ognuno è libero di mangiare che cosa vuole (che poi sarebbe CHI vuole)” ? Non se ne può più di questa crudeltà. Altro che Dailygreen…. chiamiamolo Dailyblood.

LEAVE A REPLY