Home Green in Action Millenians Fest, Archeofood al festival di Siena

Millenians Fest, Archeofood al festival di Siena

SHARE
Millenians Fest a Siena il 5 ed il 6 ottobre

Il Millennians Fest 2017, organizzato dall’Università di Siena, al via il 5 ed il 6 ottobre, è dedicato alle nuove storie e nuove idee per la sostenibilità e la tutela dell’ambiente partendo da nuovi stili di vita e dalla filiera del cibo.  

Millenians Fest, archeologi e chef per sviluppo sostenibile

Un viaggio verso il futuro partendo dalle esperienze più innovative del presente, ma guardando anche alle buone pratiche del passato creando un suggestivo parallelismo fra gli obiettivi di Agenda 2030, il programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto da 193 Paesi membri dell’Onu, con l’affresco medievale del Buongoverno di Ambrogio Lorenzetti, un manifesto politico che contiene gli stessi 17 obiettivi per la buona amministrazione del territorio che oggi potremmo definire un’Agenda 1338, l’anno della sua realizzazione.

Siena, capitale italiana del Medio Evo, diventa quindi il punto di partenza di esperienze innovative nella ricerca di buone pratiche del passato e nella loro riproposizione in chiave moderna.

Una parte significativa del Millennials Fest è per questo dedicata all’Archeofood: ricette medievali dagli ingredienti poveri e sostenibili che chef di grande prestigio trasformano in piatti eccellenti per i gusti contemporanei degni dei ristoranti più blasonati.

Millenians Fest, Archeofood al festival di Siena

Per ottenere questo risultato l’Università di Siena ha unito le conoscenze di uno staff di archeologi, guidati dal professor Marco Valenti (l’ideatore dell’Archeodromo) e la sapienza di chef del calibro di: Gaetano Trovato (Ristornate Arnolfo), Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati), Simone Cipriani (Essenziale), Fulvietto Pierangelini (Bucaniere), Senio Venturi (Asinello) e Matteo Lorenzini (Se.Sto on Arno).

Una squadra d’eccezione che ha messo a disposizione la propria professionalità per dare valore e promuovere cibi di antica tradizione che oggi tornano di grande attualità per i contenuti etici e di sostenibilità che portano con loro.

Il parallelismo fra agenda antica e Agenda 2030 continua attraverso un’installazione multimediale nel Cortile del Podestà (Piazza del Campo) dove le icone dei 17 obiettivi per il nostro futuro si abbinano ai dettagli dell’affresco medievale che rappresentano le stesse priorità per il buon governo del territorio.

Millenians Fest, chef pluristellati per Ambrogio Lorenzetti

L’installazione farà da scenografia al lavoro degli chef (venerdì 6 ottobre alle 18) con uno show coking dove saranno presentate le vecchie/nuove ricette Archeofood e all’altra parte del grande lavoro fatto dagli archeologi dell’Università di Siena per creare un legame fra passato e futuro con Cibo e Buongoverno, Ambrogio Lorenzetti nel Campo.

Un vero e proprio omaggio ad Ambrogio Lorenzetti grazie alla ricostruzione delle botteghe raffigurate nell’affresco dedicate alle attività artigiane e al commercio. L’obiettivo è raccontare la prima filiera corta che la storia dell’arte rappresenta, con i suoi valori di sostenibilità (dalle 12.30 alle 20 nel Cortile del Podestà, a Palazzo Pubblico, il 5 ottobre e dalle 9.30 alle 20 il 6 ottobre). Ogni dettaglio, ogni oggetto sono stati ricostruiti dagli archeologi utilizzando con rigore filologico materiali e tecnologie in uso nel Trecento. Per la prima volta prenderanno vita il banco del rivenditore di bevande e di alimentari, il banco del sarto o del lavoratore di stoffe, il banco del calzolaio, il banco del cambiatore. Insieme ci sarà anche il banco del grano (l’affresco ne riproduce l’intera filiera dalla coltivazione al consumo) così come un banco dedicato alla medicina, con attenzione ai medicamenti che riguardano l’uso terapeutico del cibo.

Millenians Fest, un festival anche per i bambini

Per i bambini, ma non solo per loro, sarà presente un banco con la ricostruzione di alcuni giochi da tavolo. Sono queste ultime tutte attività contemporanee al Buongoverno. Ci sarà anche una postazione di coniazione della moneta, un denaro senese di metà XIV secolo, che potrà essere battuta anche dai visitatori.

Millennials Fest 2017 Siena Food Innovation, si tiene a Siena il 5-6 ottobre ed è promosso dall’Università di Siena, Santa Chiara Lab, nasce sotto gli auspici della Presidenza Italiana del G7, con il patrocinio del Miur, del Comune di Siena, della Camera di Commercio di Siena, Fondazione PRIMA. Prestigiose le partnership: Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Il network dell’Onu “Sustainable Development Solutions Network”, Barilla Center for Food &nutrition, Future Food Institute. Due giorni per scoprire l’innovazione e la ricerca nel mondo agri-food, dell’agricoltura, del cibo, del benessere con tante proposte dei giovani millennials che già operano in questo settore.

Lo sguardo infatti non si ferma alle buone pratiche del passato rivisitate in chiave moderna ma spazia verso il futuro prossimo. All’insegna della ricerca, della sperimentazione e dell’innovazione tra agricoltura e nel cibo, Siena Food Innovation vedrà anche il primo Food Hackathon Show della scuola italiana dedicato al mondo della scuola con il ministro Valeria Fedeli e la partecipazione di 240 studenti provenienti da tutta l’Italia. E poi il Future Zone con l’orto in cassetta, l’arnia didattica, le colture idroponiche, il drone che fa analisi di precisione in agricoltura, la prima batteria a flusso realizzata con una molecola organica, ovvero con il chinone estratto dal rabarbaro. Mentre 20 millennials racconteranno storie di innovazione tra cibo e territorio.

LEAVE A REPLY