Home C'era una volta Mita Medici, un sex symbol degli anni della contestazione

Mita Medici, un sex symbol degli anni della contestazione

SHARE

Il 20 agosto 1950 nasce Patrizia Vistarini, destinata a diventare con il nome d’arte di Mita Medici, uno dei sex symbol italiani tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta.

Pronto, c’è una certa Giuliana per te

Figlia dell’attore Carlo Silva, nel 1965 a soli quindici anni vince il concorso Miss Teenager. A sedici fa il suo debutto cinematografico nel film “L’estate” di Paolo Spinola cui segue nel 1969 il grande successo di “Pronto c’è una certa Giuliana per te” di Massimo Franciosa. Nello stesso anno si fa notare anche nel mondo della canzone con il singolo Nella vita c’è un momento con il quale partecipa al concorso la Caravella di Bari. I risultati migliori arrivano però dal cinema dove interpreta film come “Colpo di sole” di Mino Guerrini, “Come ti chiami amore mio?” di Umberto Silva o “Plagio” di Sergio Capogna.

Meglio il teatro e la TV

Non mancano poi performance teatrali come, nel 1973, la partecipazione al musical “Ciao Rudy” di Garinei e Giovannini. Nel 1974 arriva anche il grande successo televisivo con “Canzonissima”. Nel 1978 dopo aver portato in scena “Il mercante di Venezia”, di Shakespeare per la regia di Cobelli, se ne va negli Stati Uniti per frequentare prima il Lee Strasberg Theatre Institute e poi L’Actors Studio. Al ritorno in Italia riprende la sua attività privilegiando soprattutto il teatro e la televisione pur senza disdegnare qualche partecipazione cinematografica Tra gli anni 1991-93 è stata tra le animatrici dell’Associazione Culturale “Lo Studio”.

SHARE
Previous articlePlanter’s Punch, il cocktail di Niky Marcelli
Next articleL’edera contro la tosse e la cellulite
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY