Home C'era una volta Una morte assurda ispira i So Solid Crew

Una morte assurda ispira i So Solid Crew

SHARE

Il 27 novembre 2000 un bambino muore dopo essere stato aggredito. I So Solid Crew ispirandosi a quell’evento realizzano un brano destinato a un grande successo e rivolto proprio alle baby gang perché pongano fine alle morti assurde.

L’aggressione, la fuga e la morte

Nel pomeriggio di lunedì 27 novembre 2000, a Londra Damilola Taylor, un bambino d’origine nigeriana di dieci anni torna a casa da scuola dove aveva partecipato ad un corso di computer. A poche centinaia di metri dall’ istituto, in una strada deserta, viene aggredito e colpito con una bottiglia rotta alla gamba sinistra. Il taglio gli recide l’ arteria femorale. Il bambino si trascina per un centinaio di metri, seguito da tre ragazzi che l’insultano, poi si accascia sul marciapiede dove viene soccorso dagli operai di un vicino cantiere. Il bambino arriva  morto all’ ospedale King’ s College, dissanguato.

Un messaggio alle baby gang

Qualche mese dopo l’assassinio Skat D, Face e Megaman dei So Solid Crew registrano No love, una canzone in ricordo di Damilola Taylor. Proprio Megaman spiega che la loro intenzione è quella di mandare un messaggio alle baby gang che li seguono e ascoltano la loro musica: «…il messaggio di questa canzone è la pace. Non c’è amore per le strade, in questo momento. Vogliamo che la negatività diventi positività e che la violenza finisca».

 

SHARE
Previous articleDon Byron & Aruán Ortiz al Torrione di Ferrara
Next articleFotovoltaico, al via il Forum Italia Solare
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY