Home C'era una volta Anche il mostro di Loch Ness combatteva contro i tedeschi?

Anche il mostro di Loch Ness combatteva contro i tedeschi?

SHARE

Il 25 ottobre 2016 varie agenzie rilanciano la notizia che, durante la posa di alcuni cavi sottomarini al largo della Scozia è stato identificato il relitto di un sommergibile tedesco della Prima Guerra Mondiale sul cui affondamento da tempo circola una strana leggenda

Colpito a filo d’acqua

A circa cento metri di profondità giace un relitto perfettamente conservato di un sommergibile appartenente alla classe UB III. Per molti si tratta dell’UB-85, che in molti ritengono sia stato affondato da un mostro marino. In realtà la versione ufficiale attribuisce il suo affondamento a un colpo fortunato dalla marina britannica il 30 aprile 1918 mentre navigava a filo d’acqua per ricaricare le batterie. Tuttavia secondo i resoconti rilasciati dal capitano del sottomarino tempo dopo, e rimasti segreti per molti anni, i fatti sarebbero andati diversamente. L’UB-85 non si trovava a filo d’acqua per ricaricare le batterie, ma perché era stato costretto a emergere dall’attacco di un mostro marino che aveva cercato di avvolgerlo nelle sue spire. Il sottomarino aveva risposto all’attacco sparando con i cannoni laterali riuscendo a respingerlo, ma il mostro aveva ormai danneggiato l’impianto di immersione. Per questo motivo il capitano era stato obbligato a emergere. Fu in quel momento che le navi britanniche videro il sottomarino e lo affondarono.

Un mostro antitedesco?

Secondo l’archeologo marino Innes McCartney, responsabile del ritrovamento del sottomarino, le leggende su mostri incontrati durante la navigazione dagli u-boot tedeschi, che all’epoca erano gli unici in grado di viaggiare nelle profondità dell’oceano, sono molto numerose. Si tratta di semplici voci, leggende, o dietro di esse c’è qualcosa di vero? Alcuni identificano il mostro che avrebbe minacciato l’UB-85 con Nessie, il celebre mostro di Loch Ness, che secondo alcuni esperti sarebbe stato in grado di raggiungere il mare aperto grazie a un canale sotterraneo. Sornione, il dottor McCartney, interpellato sull’argomento risponde ai giornalisti con un sorriso: «È bello pensare che anche Nessie abbia contribuito allo sforzo bellico». Quella dello studioso era una semplice battuta o dietro a quelle parole si nasconde una rassicurazione decifrabile come: “sappiamo che cos’è successo, ma non possiamo rivelarlo”?

 

SHARE
Previous articleL’Arte e la Scienza nella sublime osservazione dell’Anatomia
Next articleL’Hi-Tech made in Italy conquista la Scandinavia
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY