Dailygreen

Rifiuti elettronici, aumenta la raccolta

La raccolta di RAEE segna +6% nei primi 9 mesi del 2017, l’Italia punta al raggiungimento del target europeo

Presentati ad Ecomondo i risultati della raccolta differenziata di rifiuti elettronici ed elettronici nel periodo gennaio-settembre 2017 e i dati sulla gestione dei RAEE.

Rifiuti elettronici, aumenta la raccolta. Italia tra i primi

Nei primi nove mesi del 2017 aumenta del 6% la raccolta differenziata dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) in Italia. I dati elaborati dal Centro di Coordinamento RAEE sono stati presentati in anteprima alla Fiera Ecomondo di Rimini in occasione del Forum RAEE, intitolato “obiettivo: 45 su 100”, dove è stato fatto il punto sugli obiettivi posti dall’Europa e il cammino che l’Italia sta facendo per soddisfarli.

Rifiuti elettronici, Italia raggiunge primo obiettivo

Il nostro Paese ha raggiunto il primo obiettivo, ormai sorpassato, che poneva un minimo di raccolta dei RAEE domestici di 4 kg procapite entro il 31 dicembre 2015. Il target più sfidante introdotto dal 1 gennaio 2016 e valido ancora oggi, richiede invece che venga raccolto il 45% dell’immesso dei tre anni precedenti all’anno di valutazione: l’Italia nel 2016 ha raggiunto un tasso di trattato del 41% per i RAEE domestici, inferiore di 4 punti percentuali rispetto all’obiettivo europeo. Ancora maggiore sarà la richiesta a partire dal 1 gennaio 2019, pari al 65% dell’immesso dei tre anni precedenti.

Rifiuti elettronici, Giancarlo Dezio, presidente RAEE: “Ottimo risultato”

“Sebbene l’incremento della raccolta nel 2017 permetta di fare considerazioni positive sul raggiungimento del target del 45% – ha commentato Giancarlo Dezio, Presidente del Centro di Coordinamento RAEEl’entità del presente e del futuro target dev’essere uno stimolo a pensare nuove e più funzionali modalità di raccolta dei RAEE, soprattutto in considerazione delle importanti modifiche che si presenteranno dal 16 agosto del 2018 con l’entrata in vigore dell’Open Scope e quindi l’ingresso nel mondo delle AEE di numerose tipologie di apparecchiature che oggi sono escluse. Il Centro di Coordinamento in questi mesi sta partecipando attivamente ai tavoli di lavoro in corso per definire gli aspetti normativi necessari per arrivare pronti alla scadenza del prossimo agosto”.

Per poter valutare la situazione italiana all’interno del panorama europeo è importante osservare l’andamento della raccolta dei RAEE sul territorio nazionale: con un quantitativo assoluto pari a 223.358.458 kg di rifiuti elettrici ed elettronici raccolti nel periodo gennaio-settembre 2017, i dati del Centro di Coordinamento RAEE registrano un incremento del 6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, concentrato prevalentemente nei raggruppamenti R2 (Grandi Bianchi) e R4 (Piccoli Elettrodomestici). Si nota invece un prevedibile decremento di R3 (Tv e Monitor), in linea con l’andamento del settore negli ultimi anni.