Home C'era una volta Tina Aumont: in Italia non lavoro più

Tina Aumont: in Italia non lavoro più

SHARE

Il 28 ottobre 2006 muore per un’embolia polmonare a Port-Vendres, in Francia, Tina Aumont, una delle protagoniste della scena cinematografica italiana degli anni Sessanta e Settanta.

Un cognome in prestito

Nata Il 14 febbraio 1946 a Hollywood Maria Christina Aumont, questo è il suo vero nome, è figlia d’arte. Sua madre è l’attrice Maria Montez, che muore quando la piccola ha appena cinque anni mentre il padre è l’attore francese Jean Pierre Aumont. Il suo debutto cinematografico avviene nel 1966 con il nome di Tina Marquand preso in prestito da un marito, l’attore francese Christian Marquand, sposato a diciassette anni e perso per strada ben presto. La sua prima esperienza nel cinema è nel divertente “Modesty Blaise”, un film di Joseph Losey ispirato a una famosa serie di fumetti con Monica Vitti nel ruolo della protagonista. L’anno dopo Alberto Sordi le offre il ruolo di Romina nella commedia “Scusi, lei è favorevole o contrario?”, un film interpretato e diretto dallo stesso Sordi e sceneggiato da un giovanissimo Dario Argento.

Da Circe al rifiuto di lavorare in Italia

Nel 1968, con il nome di Tina Aumont è Circe nel “Satyricon” diretto da Gian Luigi Polidoro. Proprio in quell’anno Bernardo Bertolucci la chiama per interpretare il ruolo della protagonista in “Partner”, sui segue “Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano” di Luigi Comencini e sceneggiato dallo stesso Comencini con Suso Cecchi d´Amico. Nel 1969 recita accanto a Vittorio Gassman e Adolfo Celi in “L’alibi” e nel 1970 interpreta con Gigi Proietti “L’urlo” di Tinto Brass. Nel 1972 è la volta di Alberto Lattuada che le affida una parte in “Bianco, rosso e…” con Sophia Loren e Adriano Celentano e nel 1973 interpreta Luciana in “Malizia” di Salvatore Samperi. Nel 1976 Roberto Rossellini le affida il ruolo dell’adultera in “Il Messia” e Federico Fellini la vuole nel suo “Casanova”. All’inizio degli anni Ottanta lascia l’Italia e se ne va in Francia non accettando più alcuna offerta dal cinema del nostro paese. L’ultimo film interpretato è del 2000. Si intitola “La mécanique des femmes” ed è diretto da Jérôme de Missolz..

 

SHARE
Previous articleGiovanni Ardizzone era il suo nome…
Next articleI Monkees e l’ultimo treno per Clarksville
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY