Home C'era una volta Brenda Lee, Little Miss Dynamite

Brenda Lee, Little Miss Dynamite

SHARE

L’11 dicembre 1944 a Lithonia, Atlanta, in Georgia nasce Brenda Mae Tarpley, destinata a diventare una delle cantanti più popolari tra i teenager alla fine degli anni Cinquanta con il nome d’arte di Brenda Lee.

Lanciata da Red Foley

Vincitrice di un concorso per giovani talenti all’età di sei anni, a soli undici anni venne lanciata da Red Foley, una delle star del country, che la ospita nel suo show televisivo. Il 31 marzo 1956 si esibisce nell’Ozark Jubilee Show e due mesi dopo pubblica il suo primo singolo con Jambalaya, versione di un brano di Hank Williams.

Il beat, il declino e la rinascita country

Il successo è rapido e travolgente e i giornali cominciano a soprannominarla “Little Miss Dynamite. In quel periodo debutta anche nel cinema con il film “The two little bears” diretto da Randall Hood. Eletta “la miglior cantante pop del mondo” nel 1962, 1963 e 1964 vede la sua popolarità andare in crisi con l’irrompere del beat sulla scena musicale. Dopo un lungo periodo di silenzio, negli anni Settanta si stabilisce a Nashville e torna prepotentemente alla ribalta come interprete country.

 

SHARE
Previous articleTorna il Festival Europeo di Poesia Ambientale
Next articleBiologia della gentilezza finalista al Premio di Divulgazione Scientifica
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY