Home C'era una volta Gianni Safred, tra jazz e nuove sonorità

Gianni Safred, tra jazz e nuove sonorità

SHARE

Il 24 aprile 1923 nasce a Trieste il pianista, tastierista e compositore Gianni Safred, uno dei personaggi che hanno accompagnato l’integrazione tra il jazz e le nuove sonorità elettroniche.

Incontri casuali

La sua è una famiglia di musicisti, per cui è quasi inevitabile che il piccolo Gianni si dedichi molto presto allo studio del pianoforte. A dodici anni scopre l’improvvisazione jazzistica e ne resta folgorato. Frequenta poi il conservatorio e negli anni Quaranta inizia l’attività professionale suonando con varie orchestre triestine. Nel dopoguerra la necessità di sbarcare il lunario lo porta suonare soprattutto nei night club con poco spazio per il jazz. In quel periodo il suo impegno jazzistico si limita a jam sessions con musicisti incontrati per caso, alcuni dei quali sono militari americani. Fra questi ultimi c’è anche Herbie Mann.

Con Django e Stéphane

Nel 1949 suona a Roma alla Rupe Tarpea con Django Reinhardt e Stéphane Grappelli, e prende parte a una lunga serie di registrazioni organizzate da Christian Livorness e successivamente pubblicate su disco. Insieme a Safred facevano parte della sezione ritmica il contrabbassista Carlo Pecori e il batterista Aurelio de Carolis. Fra le incisioni con Django Reinhardt e Grappelli si ricordano Liza, Sweet Georgia Brown, Hallelujah, What Is This Thing Called Love, The World Is Waiting For The Sunrise e Rosetta in cui si dimostra pianista eccellente dotato di un grande temperamento. Negli anni Cinquanta comincia a produrre apprezzati cicli di trasmissioni radiofoniche e negli anni Sessanta dà vita a un proprio quintetto comprendente Tony Zucchi, Lennart Jansson, Gianni Foccià e Peter Littman. Incuriosito dalle possibilità offerte dall’applicazione dell’elettronica ai suoni compone una lunga serie di brani sperimentali. Muore a Trieste il 28 febbraio 1981.

 

 

SHARE
Previous articleModa etica, per un approccio sostenibile e virtuoso
Next articleOtis Spann, l’ultimo pianista della scuola di Chicago
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY