Home Ecoturismo Guardiaregia, il verde Molise tra WWF e folklore

Guardiaregia, il verde Molise tra WWF e folklore

SHARE
Guardiaregia

Se siete amanti della natura, e al contempo non volete rinunciare alla scoperta delle tradizioni religiose e del folklore di uno dei borghi più caratteristici e verdi del Molise, il prossimo 5 dicembre il paesino di Guardiaregia vi attende, ai piedi del monte Mutria, con la sua antica usanza della Fagiolata di San Nicola.

L’oasi WWF di Guardiaregia – Campochiaro

Piccola località molisana in provincia di Campobasso, Guardiaregia è un comune dal notevole patrimonio naturalistico. Nel 1997, grazie ad una collaborazione stipulata tra l’amministrazione comunale e il WWF Italia, è stata costituita l’Oasi WWF di Guardiaregia, oggi la seconda più grande dello Stivale per estensione, grazie anche alla successiva integrazione del territorio di Campochiaro. Sviluppata sul versante orientale del Matese, in un comprensorio dall’elevato valore naturalistico, l’Oasi regala la vista d’innumerevoli varietà di animali: il lupo, il gatto selvatico, il tasso, lo scoiattolo, l’aquila reale, una ventina di specie di farfalle diurne, il raro orso marsicano e la rinomata salamandrina dagli occhiali, il piccolo anfibio dall’aspetto snello e affusolato padrone della zona. Nel cuore dell’Oasi si possono distinguere tre ambienti naturali: il Monte Mutria, che segna i confini con la vicina Campania, il canyon del Torrente Quirino, con la famosa cascata di San Nicola e l’area della Montagna di Campochiaro forte delle sue bellissime grotte

Tra monumentali faggi

Durante una visita a Guardiaregia, gli amanti del green non potranno sfuggire alla suggestiva cornice del “Colle dei tre fratelli” dove, all’apice di una collina contornata da un bosco, si stagliano tre monumentali alberi di faggio, così grandi da poter essere abbracciati solo dalle mani da quattro adulti.

 E per i curiosi delle tradizioni locali… la Fagiolata di San Nicola

Considerato da sempre la “carne dei poveri”, per la sua eccezionale capacità nutrizionale, il fagiolo molisano annovera estimatori da tutta Italia. Terra di grandi ricette culinarie a base di legumi, il Molise viene spesso associato al fagiolo, non solo per la grande varietà che popola le sue terre, ma anche per l’utilizzo creativo che questo legume stuzzica nelle varie cucine locali. Ed è proprio in occasione della festa in onore di San Nicola, che il prodotto d’eccellenza del territorio molisano trova la sua massima espressione. Durante questa ricorrenza, mentre le campane della chiesa risuonano in tutta i vicoli della cittadina di Guardiaregia, colorata di mercatini e gente in festa, è tradizione presenziare alla grande cena a base di una collettiva zuppa di fagioli. Il giorno successivo, a sua volta, si potranno degustare tutte specialità di una sagra interamente dedicata a questo squisito legume, da accmpagnare con le pagnottelle benedette dal parroco dopo la santa messa. Pronti a fare il pieno di questo tradizionale alimento ricco di gusto e proteine? Buon appetito e buon fine settimana a tutti.

 

LEAVE A REPLY