Home C'era una volta Il rapimento del corpo di Gram Parsons, un evento simbolo della generazione...

Il rapimento del corpo di Gram Parsons, un evento simbolo della generazione hippie

SHARE

Il 19 settembre 1973 muore in California Gram Parsons, l’ex chitarrista dei Byrds e dei Flying Burrito Brothers, considerato uno dei migliori talenti del country rock.

Uno degli episodi più emblematici della storia della generazione hippie

Le circostanze della sua morte non sono chiare. Inizialmente viene attribuita a cause naturali, ma la successiva autopsia rileva tracce consistenti di droga e alcool nel sangue e il certificato definitivo di morte parla esplicitamente di “overdose”. La sua scomparsa dà luogo a uno degli episodi più emblematici della storia della generazione hippie. Il corpo del musicista, dopo l’autopsia, viene messo a disposizione della famiglia, con la quale aveva rotto i rapporti da molti anni. Quest’ultima dà precise disposizioni perché la bara di Parsons venga trasferita in Florida per essere tumulata nella tomba di famiglia con una cerimonia religiosa solenne che possa «riconciliare l’anima di Gram con Dio». La notizia getta nello sconforto gli amici hippie con i quali il chitarrista ha diviso gli ultimi anni della sua vita. Egli infatti ha lasciato loro un messaggio in cui chiede che il suo corpo venga cremato su una grande pira all’interno dello splendido scenario di un’oasi naturale e le sue ceneri disperse ai piedi del Joshua Tree National Monument.

Una cerimonia suggestiva

A nulla serve il tentativo di convincere la famiglia di Parsons. I suoi parenti, ritenendo gli amici responsabili della “corruzione spirituale” di Gram, rifiutano di ascoltarli e non sono disponibili a dare il loro assenso a una cerimonia “pagana”. Ritenendosi depositari delle ultime vere volontà del chitarrista gli amici non demordono. Visti inutili i tentativi di comunicare decidono di passare all’azione. Sotto la guida di Phil Kaufman, il vecchio manager dell’artista, viene mobilitata l’intera comunità hippie di Los Angeles. L’operazione scatta all’aeroporto della città quando un gruppetto riesce a impadronirsi della bara e a portarla fuori eludendo la sorveglianza. Mentre altri gruppi creano situazioni diversive nella zona circostante il furgone che porta a bordo il corpo del chitarrista vola veloce verso la sua destinazione. Verrà cremato nel corso di una cerimonia suggestiva e ricca di emozione alla presenza degli amici e di tutti i membri della comunità hippie di Los Angeles. Due giorni durerà questa sorta di veglia funebre scandita da canti e da poesie. Soddisfatte le ultime volontà dell’amico inizieranno i problemi perché le autorità incrimineranno gli esecutori materiali di una mezza dozzina d’imputazioni, compreso il furto e la distruzione di cadavere.

 

SHARE
Previous articleBaden-Württemberg: fino all’ultima boccata di ossigeno
Next articleJohn Collins, il figlio di Georgia Corham
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY