Home C'era una volta La prima volta sullo schermo dei fratelli Blues

La prima volta sullo schermo dei fratelli Blues

SHARE

Il 18 giugno 1980 a New York viene proiettato per la prima volta in pubblico il film “The blues brothers”, una commedia musicale che ha per protagonisti John Belushi e Dan Aykroyd.

Un successo casuale

Il film, che racconta le avventure dei fratelli Jack ed Elwood Blues alla ricerca di fondi per salvare dalla chiusura l’orfanotrofio nel quale sono stati allevati, riporta all’attenzione del pubblico di tutto il mondo un genere, come il blues, che sembrava definitivamente oscurato dall’avvento delle nuove mode musicali. Del cast fanno parte alcuni “mostri sacri” della storia della musica internazionale come Aretha Franklin, Ray Charles, James Brown, John Lee Hooker e Cab Calloway. I personaggi, Jake e Elwood Blues, sono stati creati da Belushi e Aykroyd negli spettacoli dello show televisivo “Saturday Night Live”, mentre il nome “The Blues Brothers” è un’idea di Howard Shore. I retroscena e i profili dei due fratelli invece sono stati sviluppati da Aykroyd in collaborazione con Ron Gwynne.

Il misterioso Scriptatron GL-900

Tutto inizia quando, sull’onda del successo televisivo nel 1978, nasce davvero la band che pubblica l’album Briefcase Full of Blues. Oltre a Jack ed Elwood ne facevano parte Paul Shaffer alle tastiere, Steve Cropper e Matt Murphy alla chitarra, Donald Dunn al basso, Steve Jordan alla batteria, Alan Rubin alla tromba, Lou  Marini, Tom Scott e Tom Malone ai sassofoni. Proprio le note di copertina dell’album contribuiscono a innervare la storia del film. In esse si può leggere che i due fratelli sono cresciuti nell’orfanotrofio del comune di Rock Island in Illinois, dove hanno imparato il blues da un inserviente di nome Curtis e suggellando il legame di sangue con il taglio del dito medio eseguito con la corda della chitarra che Jack dice essere stata di Elmore James.Quando Aykroyd e Belushi dicono in un intervista che si può fare un film sui Blues Brothers si scatenano le offerte degli studios. Alla fine la spunta la Universal che prevale sulla Paramount. La regia viene affidata a John Landis, ritenuto l’unico in grado di tenere a bada Belushi, che ha già diretto in “Animal House”. In quel momento non c’è ancore né un bilancio né un copione. Così Dan Aykroyd inizia da solo la scrittura della sceneggiatura. Siccome è la prima che scrive compone un volume di 324 pagine nel quale aggiunge dettagli su dettagli e che, in pratica ha tre volte la lunghezza di un copione cinematografico medio. Lo firma con la sigla Scriptatron GL-9000 e racconta al produttore Robert K. Weiss che è stato scritto da uno scrittore automatizzato. Alla fine ci pensa John Landis a mettere a posto tutto.

 

SHARE
Previous articleIn Val D’Ega si torna a riveder le stelle
Next articleLa Santolina, una pianta aromatica da giardino
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY