Home C'era una volta Libero Tosoni, il jazzista che non disprezzava la musica da ballo

Libero Tosoni, il jazzista che non disprezzava la musica da ballo

SHARE

Il 29 giugno 1918 nasce a Roma il chitarrista Libero Tosoni. A vent’anni inizia trasforma la passione della musica in una professione suonando con un regolare contratto all’EIAR nel gruppo guidato dal chitarrista Saverio Seracini.

Lo swing del “Club del ritmo”

Nel 1939 entra a far parte del gruppo diretto da Enrico Pratt. Suona poi con Carlo Zeme e con un quintetto diretto da Bruno Martelli. Dopo la Liberazione di Roma  forma insieme ad Armando Trovajoli un gruppo swing con Cecconi, Ammonini, De Carolis e Beppe Carta, con cui prende parte alle trasmissioni radiofoniche intitolate “Il Club del Ritmo”, nel corso delle quali ha occasione di suonare con molti solisti statunitensi.

Tra jazz e ballo

Nel 1945 suona all’Arlecchino con un trio formato .da Bruno Martino e Beppe Carta, ai quali si aggiunge in seguito Tino Fornai al violino. Nel 1947 suona al Bel Sito, sempre di Roma, con Armando Trovajoli. Prende parte all’attività jazzistica romana suonando in molte jam session, soprattutto all’Arlecchino e alla Conchiglia, due locali dove nella seconda metà degli anni Quaranta vengono organizzate molte manifestazioni a carattere jazzistico. La sua carriera proseguirà alternando il jazz a fortunate incursioni nella musica da ballo.

 

SHARE
Previous articleChicken Henry, dal pianoforte al trombone per necessità
Next articleAdotta una tartaruga, il nuovo progetto di Plastic Free
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY