Home C'era una volta Roberto Balocco, un folksinger targato Torino

Roberto Balocco, un folksinger targato Torino

SHARE

La sera del 25 febbraio 1965 il Teatro Stabile di Torino ha in cartellone “Le canssôn d’la piola” (Le canzoni dell’osteria), il primo concerto di Roberto Balocco, un giovane folksinger torinese scoperto da Pierino Novelli, giornalista de “La Gazzetta del Popolo”.

Tra folk e cantastorie

Il pubblico del capoluogo sabaudo scopre così, quella sera, un artista particolare, capace di reinterpretare in modo del tutto personale le vecchie canzoni della tradizione. Nonostante l’uso del dialetto, il suo stile è più vicino a quello dei protagonisti del folk statunitense, come Bob Dylan o Joan Baez, che alle storie cadenzate dei vecchi cantastorie. Affiancato dall’attrice Silvana Lombardo, Balocco propone nel corso della serata vecchi brani del folklore urbano torinese e quattro nuove canzoni da lui composte su testi di Novelli. Visto il successo la Cetra gli propone un contratto discografico. Lo spettacolo diventa così un album, il primo di una lunga serie: alla fine saranno ben sette, tutti registrati con la collaborazione del bassista Gino Luone, del fisarmonicista Ducci e del maestro Giancarlo Chiaramello alle tastiere. Sull’onda dello straordinario interesse di quegli anni per il folk Balocco vive una stagione eccezionale. Al primo spettacolo, riproposto in moltissimi teatri italiani, ne seguono altri, prodotti da Aldo Landi, che vedono il folksinger torinese esibirsi al fianco di strumentisti di valore, come il pianista Luciano Sangiorgi, e personaggi affermati nel mondo della musica leggera, come il Quartetto Cetra.

Fedele alla sua impostazione

Nel 1968 il suo album triplo “Le nostre canssôn” vince l’ambito Premio della Critica Discografica. Verso la metà degli anni Settanta, mentre cala l’interesse del pubblico nei confronti del folk, prosegue il suo lavoro per un ristretto gruppo d’appassionati, anche se non mancano momenti di intensa partecipazione, come il concerto organizzato al Teatro Carignano di Torino nel 1977 per festeggiare dodici anni di attività, pubblicato l’anno dopo in un album doppio. Quando anche le case discografiche chiudono la produzione folk non accetta di adattarsi alle nuove mode. Abbandona l’ambiente musicale e torna a fare l’impiegato. Non abbandona, però la musica e periodicamente accetta di imbracciare di nuovo la chitarra e di riproporre i brani di un’epoca che è stata straordinaria per tutta la produzione folk italiana.

 

SHARE
Previous articleMemphis Slim, l’ambasciatore del blues
Next articleAlix Combelle, il miglior sax tenore della scena europea
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY