Home C'era una volta Ted Bogan, brillante accompagnatore e solista immaginifico

Ted Bogan, brillante accompagnatore e solista immaginifico

SHARE

Il 10 maggio 1910 a Spartanburg, nel South Carolina, nasce il chitarrista e, qualche volta, cantante Ted Bogan.

Il debutto a diciassette anni

Brillante accompagnatore e solista ingegnoso e pieno di immaginazione, Bogan inizia a suonare la chitarra a diciassette anni quando si esibisce in un “medicine show”. Successivamente partecipa a programmi radiofonici presso la stazione WSPC di Spartanburg. Trasferitosi nel Tennessee, conosce a Knoxville il chitarrista e violinista Carl Martin ed entra a far parte del suo trio, che comprende anche il violinista Howard Armstrong. Con questo gruppo Bogan partecipa a diversi programmi radiofonici della stazione radio WOPI e si esibisce nel North Carolina e in Virginia. Nel 1931 con l’arrivo del contrabbassista Bill Balinger, il trio diventa un quartetto e prende il nome di Four Keys String Band.

Il ritiro e il ritorno

Nel 1934 il gruppo registra per la Bluebird sotto il nome di Louie Bluie (pseudonimo di Howard Armstrong). Dopo lo scioglimento Bogan continua a esibirsi in duo con Carl Martin fino alla fine degli anni Quaranta quando abbandona la vita musicale attiva. Riscoperto solo nel 1965 da Pete Welding, riprende a esibirsi ufficialmente sul finire degli anni Sessanta con i vecchi colleghi Carl Martin e Howard Armstrong. Partecipa poi a diversi festival e registra vari dischi. Muore il 29 gennaio 1990.

 

Previous articleEcoswell, 700 tn di plastica riciclata
Next articleTransizione ecologica, al via il primo corso
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".