Home Ecoturismo Whale watching in Baja California

Whale watching in Baja California

SHARE
Whale watching

Depennate dalla lista delle specie a rischio, già dagli anni ’90, le balene grigie ritornano ogni anno a visitare le calde lagune dell’Oceano Pacifico, tra docili cuccioli da mettere al mondo e curiosi sguardi umani.

Sulla rotta delle balene, tra magia e stupore

“Se Dio avesse voluto essere pesce, sarebbe stato balena”: chi di voi non ricorda questa celebre citazione che riecheggia in “Moby Dick – La balena bianca”, l’intramontabile film tratto dal romanzo di Herman Melville? Il predatore degli abissi suscita, più di ogni altro animale marino, emozioni indescrivibili in ognuno di noi. Oggi più che mai simboli del fragile ecosistema del nostro pianeta, le balene conservano un alone di magia anche grazie alle reminiscenze fiabesche che questi giganteschi cetacei sono soliti accendere in noi, sin dai primi racconti dell’infanzia. Chi, da piccolo, non ha temuto almeno una volta di finire nel ventre di una balena per aver detto troppe bugie? Pinocchio docet, e riaffiora anche a distanza di anni. Praticare “whale watching“, lasciandosi sedurre dal canto e delle acrobazie di questi cetacei titani, è davvero un’esperienza che toglie il fiato, uno spettacolo unico. Ecco perché dailygreen, questa settimana, vuole accompagnarvi in uno dei luoghi più belli del pianeta deputati all’avvistamento di queste meravigliose creature: la laguna di San Ignacio, in Baja California.

La laguna di San Ignacio, un santuario naturale

Luogo incantevole a metà strada della penisola di Baja, sulla costa pacifica, la laguna di San Ignacio, scoperta dal navigatore Cortès nel 1533, è un vero santuario naturale. Nelle sue tiepide acque, ogni anno, le balene grigie arrivano dal Mare di Bering, dalle coste dell’Alaska e dalla provincia canadese della British Columbia, forti d’un viaggio lungo oltre 10.000 km. L’abbandono dei mari più freddi avviene in coincidenza dell’arrivo della stagione invernale. Durante questi mesi, la laguna di San Ignacio, con le sue calde acque, diventa quindi la culla di tantissimi parti e allattamenti di neonate balene lunghe poco più di 5 metri. Uno spettacolo che incanta, dando la possibilità ai turisti più temerari di riportare a casa il ricordo di un incontro ravvicinato con uno dei tanti cuccioli di balena grigia che, regolarmente, e a dispetto di ogni immaginario, si lasciano docilmente avvicinare dai pescherecci e dal tocco interdetto e basito dei tanti spettatori umani.

Quando partire?

Il periodo migliore per vivere un’esperienza a tu per tu con queste meravigliose creature oscilla da gennaio a marzo, quando a San Ignacio ne arrivano migliaia e può capitare di avvistarne fino a 400 esemplari in una volta sola. Atacama Travel e Earth Viaggi sono due dei migliori tour operator dedicati al whale watching in Baja California. Un buon viaggio a tutti i fortunati viaggiatori che sceglieranno questa destinazione.

LEAVE A REPLY