Home C'era una volta Il primo disco dei Famous Flames

Il primo disco dei Famous Flames

SHARE

Il 4 febbraio 1956 i Famous Flames registrano il loro primo disco. Il gruppo, scoperto per caso da Clint Brantley, il manager di Little Richard, da tempo tenta, senza successo, di trovare spazio sulla scena musicale statunitense.

Un cantante incontenibile

Bradely è impressionato dalla forza e dall’impatto scenico del cantante della band che si chiama James Brown. Dopo una lunga serie di delusioni riesce finalmente a ottenere una scrittura dall’etichetta King/Federal Records. Così, il 4 febbraio 1956, a Cincinnati, la band registra Please, please, please il suo singolo d’esordio. Il 45 giri riesce ad arrivare nella Top ten della classifica di rhythm and blues e contribuisce ad accrescere la popolarità di James Brown.

Un inaspettato declino

Dopo l’esplosivo successo di Please, please, please nessuno può immaginare che Brown e i suoi compagni d’avventura possano fallire i colpi successivi. Eppure, i nove dischi che dal giugno 1956 al maggio 1958 seguono il fortunato singolo d’esordio si rivelano dei fiaschi. Scoraggiata dall’insuccesso la prima formazione dei Famous Flames si scioglie all’inizio del 1957 e prima della fine dell’anno Syd Nathan della King/Federal Records annulla il contratto discografico. Il caparbio James Brown però non si arrende e comincerà a ricostruire pezzo dopo pezzo tutta la formazione.

 

SHARE
Previous articleA letto dopo Carosello
Next articleAlimentazione: italiani sempre più attenti al sano
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY