Home Eco Cultura La Resilienza e una proposta esemplare, Wondy sono io

La Resilienza e una proposta esemplare, Wondy sono io

SHARE
L'Associazione ``Wondy Sono Io`` è nata per realizzare una serie di attività sulla scia del movimento che Francesca Del Rosso aveva creato dopo la pubblicazione del libro ``Wondy - ovvero come diventare supereroi per guarire dal cancro``. Una grande eredità intellettuale, un premio letterario ed altro.
  • Non credo nelle favole. Ma amo leggerle, e mi piace scriverle. Non credo nel destino. Ma lo so affrontare. Il dolore, la paura, la guerra, la mafia, il terremoto, la malattia, la morte: esistono. Non serve a nulla guardare dall’altra parte, fingere di non vedere. Ma si può usare un altro punto di vista, che ha il potere di cambiare tutto …Ma Wondy sono io.

Così si legge nella prima pagina del sito http://wondysonoio.org/, l’Associazione per la diffusione della cultura della Resilienza che si propone iniziative concrete come la realizzazione del Premio Wondy per la letteratura resiliente e più in generale eventi che puntino alla diffusione della lettura come strumento per approfondire tematiche sociali, perché i libri (grande passione di Francesca) sono fondamentali per comprendere la realtà ed esplorare punti di vista inconsueti.

I cambiamenti a cui siamo sottoposti non si erano mai verificati precedentemente, a cominciare dalla memoria artificiale degli strumenti informatici. Poi c’è la crescita demografica che non ha mai registrato un tasso così alto (considerando l’intero Pianeta) mentre le diversità tra le varie identità storiche e culturali, in un mondo globalizzato, vengono livellate ed impoverite, così come si impoverisce la biodiversità di piante ed animali, in una persistente immissione di prodotti aggressivamente omologati ed omologanti, promossa dai padroni del mercato, attraverso una tecnologia proteiforme che uccide le piccole economie, i rapporti tra le persone, il loro ambiente, i ruoli tradizionali, sollecitando competizione e possesso. In tutto questo il lavoro manuale in genere, ha perso ulteriore valore, toccando la soglia dello zero assoluto, cioè lo stato di schiavitù.

Andiamo verso un futuro incerto. Non sappiamo se il cambiamento sia verso un’evoluzione della democrazia partecipativa, come segnalato già dal 2010 da Bernard Manin, oppure verso una nuova svolta populistica, ovvero nostalgica del totalitarismo, preda della propaganda e soggiogata dalla paura. Di fatto verso la diffusione della mentalità dei “giochi a somma zero”, propensa a cercare solo Ipersoluzioni, come direbbe Paul Watzlawick. In tutto questo l’atteggiamento migliore è la Resilienza, non una parola magica, ma uno stato dell’essere fatto di perseveranza e coraggio, di trasformazione della realtà verso un simbolico partecipativo ed empatico come per esempio l’arte e la letteratura.

In questo contesto si inserisce il Premio Wondy di letteratura resiliente che avrà la sua Cerimonia finale lunedì 5 marzo al Teatro Manzoni di Milano, ore 21.

Una notte di libri, musica e parole con Vanity Fair, serata speciale condotta da Ambra Angiolini insieme ad Alessandra Tedesco, con la partecipazione di grandi artisti e scrittori.

 

Malika Ayane e Paola Turci, due tra le più amate cantanti italiane, si esibiranno dal vivo, mentre ospiti del calibro di Alessandro Borghi, Marco D’Amore, Matilda De Angelis, Marta Gastini, Luca e Paolo, Vittoria Puccini e Valeria Solarino si alterneranno sul palco per leggere brani tratti dai libri in gara. Alla fine dello spettacolo sarà proclamato il vincitore della prima edizione del Premio Wondy. Nel corso della serata, inoltre, al Teatro Manzoni sarà esposta eccezionalmente la mostra fotografica “In viaggio con Wondy”.

Sono sei gli autori finalisti che si contenderanno il riconoscimento, in rappresentanza di cinque diverse case editrici: Edith Bruck con La rondine sul termosifone (La nave di Teseo); Barbara Garlaschelli con Non volevo morire vergine (Piemme); Emiliano Gucci con Voi due senza di me, (Feltrinelli); Lorenzo Marone con Magari domani resto (Feltrinelli); Alessandra Sarchi con La notte ha la mia voce (Einaudi); Ilaria Scarioni con Quello che mi manca per essere intera (Mondadori).

La giuria tecnica, presieduta da Roberto Saviano e composta da Daria Bignardi, Paolo Cognetti, Ferruccio de Bortoli, Luca Dini, Donatella Di Pietrantonio, Chiara Fenoglio, Chiara Gamberale, Emanuele Nenna, Paola Saluzzi e Gianni Turchetta, avrà il compito di decretare la vincitrice o il vincitore, a cui saranno assegnati cinquemila euro e un’opera del pittore Luca Tridente, ispirata al concetto di resilienza.

Inoltre, accanto al riconoscimento della giuria tecnica, ci sarà anche un secondo Premio Wondy, assegnato dalla “giuria popolare”. Tutti possono votare sulla pagina Facebook dell’associazione culturale “Wondy Sono Io”, mettendo un “like” (un voto) o un “love” (due voti) alla foto della copertina del proprio libro preferito. Il titolo che il 4 marzo alle 23.59 avrà ricevuto più voti sarà proclamato vincitore della giuria popolare.

Il Premio Wondy – di letteratura resiliente è il riconoscimento letterario in memoria di Francesca Del Rosso, scrittrice e giornalista morta l’11 dicembre 2016, diventata nota con il nome di Wondy dopo la pubblicazione del libro Wondy – ovvero come si diventa supereroi per guarire dal cancro (Rizzoli, 2014) nel quale raccontava, con coraggio e ironia, la sua lotta contro la malattia. L’iniziativa è promossa e organizzata dall’associazione “Wondy Sono Io”, creata dal marito di Francesca, Alessandro Milan, insieme ai suoi amici più cari ed è rivolta alle opere edite, scritte in italiano, che raccontano come fare fronte in modo positivo agli ostacoli della vita.

È possibile acquistare i biglietti per l’evento sul sito del Teatro Manzoni, all’indirizzo – www.teatromanzoni.it

 

SHARE
Previous articleL’irrequieto Tom Verlaine e i Television
Next articleWood Beton: premiati i vincitori del concorso di idee
Carla Guidi
Sono nata a Firenze e migrata a Roma in tenera età. Dopo essermi occupata soprattutto di arte, psicologia e letteratura, organizzando mostre, presentazioni e convegni, sempre con un’ottica decisamente ecologista, nel 2002 ho ottenuto l’iscrizione all’ODG del Lazio e Molise, elenco pubblicisti. Ho collaborato per più di 10 anni con il settimanale (in cartaceo) Telesport ma scrivendo sempre dei miei argomenti preferiti, oggi collaboro con Abitare a Roma (testata giornalistica on-line), Malacoda (webzine di lotta per un'alternativa letteraria e culturale), Lazio ieri ed oggi (la rivista di Roma e della sua Regione, fondata nel 1965 da Willy Pocino). Dal 2004 ho pubblicato tre libri di poesia per le edizioni Onyx (monologhi teatrali) ora scaricabili gratuitamente dal mio sito, Come le bestie, La pace che ci meritiamo e Fatti ad immagine D’Io (e-book) - due libri sulla memoria storica Un ragazzo chiamato Anzio e Operazione balena - Unternehmen Walfisch (rastrellamento nazista del 17 aprile 1944 nel quartiere Quadraro - terza edizione Edilazio 2013). Ho curato, in collaborazione con Massimo De Simoni, il libro I poeti incontrano la Costituzione (Ediesse 2017).

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY