Home C'era una volta Nasce il leggendario sestetto di Miles Davis

Nasce il leggendario sestetto di Miles Davis

SHARE

Il 2 aprile del 1958 Miles Davis dà vita a una formazione destinata a restare nella storia del jazz. Oltre a lui ne fanno parte Julian “Cannonball” Adderley, John Coltrane, Red Garland e Philly Joe Jones.

Un gruppo che dura nel tempo

Si tratta di un gruppo che, contrariamente alle abitudini dei jazzisti, resterà stabile per qualche anno, con la sola sostituzione del pianista (Bill Evans prima e Wynton Kelly poi al posto di Garland) e del batterista (Jimmy Cobb invece di Jones). Il sestetto lascerà tracce importanti in dischi di grande qualità che restano nella storia di Miles Davis come la testimonianza di un periodo particolarmente felice. Negli stessi anni il trombettista non si limita a curare la sua band, ma accetta esperimenti di vario genere, come le incisioni del giugno 1958 sotto la guida dell’arrangiatore Michel Legrand e quelle con Evans dalle quali nasce Porgy and Bess.

La fine nel 1963

Fino al 1963 Davis conserverà intatta la sezione ritmica rinnovando continuamente il sassofonista, scelto comunque tra i più interessanti del momento, da John Coltrane ad Hank Mobley, da Cannonball a Sonny Stitt. Nel 1963 arriverà un nuovo cambiamento con l’abbandono della formazione a sei e la scelta di puntare su un quintetto formato con il sax tenore di George Coleman, un uomo nuovo che presto viene però sostituito da Wayne Shorter, il piano di Herbie Hancock, il basso di Ron Carter e la batteria di Tony Williams, un giovanissimo che si rivela straordinariamente dotato. La musica è la stessa del sestetto, ma è già iniziata un’altra storia.

2

SHARE
Previous articleBuona pasqua da Daily Green!
Next articleSarah Vaughan, la Divina se ne va
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY