Home C'era una volta Bernardo Bertolucci, un imperatore da Oscar

Bernardo Bertolucci, un imperatore da Oscar

SHARE

Il 12 aprile 1988 nella hollywoodiana “Notte degli Oscar” un regista italiano fa la parte del leone. È Bernardo Bertolucci il cui film “L’ultimo imperatore” conquista ben nove statuette.

I premi

A “L’ultimo imperatore” vengono assegnati i premi per il miglior film, il miglior regista, la miglior sceneggiatura adattata a Mark Peploe ed Enzo Ungari, la miglior fotografia a Vittorio Storaro, il miglior montaggio a Gabriella Cristiani, la migliore colonna sonora a Ryuichi Sakamoto, David Byrne e Cong Su, le migliori scenografie a Ferdinando Scarfiotti, Osvaldo Desideri e Bruno Cesari, i migliori costumi a James Acheson, il miglior sonoro a Bill Rowe e Ivan Sharrock.

Un film fortunato

Per il regista-poeta (nel 1962 ha vinto il Premio Viareggio con la raccolta di poesie “In cerca di mistero”) il riconoscimento rappresenta la definitiva consacrazione sulla scena internazionale, dopo una serie di capolavori come il discusso “Ultimo tango a Parigi” o il grande affresco storico-politico di “Novecento”. “L’ultimo imperatore” verrà premiato anche in Francia con il César per il miglior film straniero e a New York con il Golden Globe per il miglior film dell’anno.

 

SHARE
Previous articlePiero Bassini, il tocco, la tecnica e il fraseggio
Next articleGreenpeace: L’Ue spende milioni per il consumo di carne
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY