Home News Clima, inverno pazzo e l’Italia soffoca

Clima, inverno pazzo e l’Italia soffoca

SHARE
clima Italia

L’inverno è pazzo e l’Italia sta soffocando sotto una cappa di smog. La colpa? Del cambiamento climatico e di una politica che non si assume le sue responsabilità.

Clima, temperature del tutto anomale

Questo inverno per i meteorologi è del tutto anomalo. Non piove, le temperature sono sopra la media, e le emissioni di CO2 nell’atmosfera causano una cappa di smog sulle città senza precedenti.

Inquinanti assolutamente dannosi per la salute pubblica tanto che – è l’ultimo allarme lanciato dal Ministero – occorre intervenire urgentemente per proteggere proprio la salute di tutta la popolazione. A rischio sono i bambini, le donne in gravidanza, gli anziani, le persone con particolari malattie cardiovascolari o con specifiche patologie.

Clima, è emergenza salute

Ma è necessario che il piano di azioni pubbliche sia integrato dall’adozione di comportamenti individuali consapevoli e finalizzati alla riduzione sia dell’inquinamento sia dell’esposizione personale e della propria famiglia.

E’ così che l’Istituto superiore di sanità ha lanciato una serie di cose da fare per le emergenze inquinamento.   Per quanto riguarda i mezzi di locomozione, innanzitutto, il decalogo ricorda di usare i mezzi pubblici ed evitare l’auto. Se si deve usare l’auto, non viaggiare da soli. E se proprio non si hanno alternative all’auto, rallentare di almeno 10 km/h rispetto ai limiti di velocità. Non parcheggiare in doppia fila: creare un ingorgo aumenta anche l’esposizione all’inquinamento.

Per quanto riguarda il riscaldamento, controllare che sia spento prima di andar via dall’ufficio; chiudere quello di casa se si va in vacanza; abbassare il riscaldamento di 1-2 gradi e mettere un maglione in più; limitare l’uso della legna per il riscaldamento.

Riguardano, infine, le attività all’aperto gli ultimi due consigli del decalogo per ridurre l’esposizione all’inquinamento: limitare le attività ricreative, sportive e di gioco all’aria aperta; e tenere al riparo bambini, anziani e chi è affetto da patologie respiratorie e cardiovascolari nelle ore di maggior traffico.

Il clima peggiora, negli Stati Uniti 43 vittime per il maltempo

Ma il clima peggiora e non solo in Italia. Nel nord dell’Inghilterra più di cento persone sono state evacuate  a causa delle inondazioni provocate da una pioggia intensa e duratura. Centinaia di residenti erano stati evacuati dallo Yorkshire occidentale e dal Lancashire, mentre in migliaia sono senza corrente elettrica. Resta l’allerta in alcune aree dell’Inghilterra e del Galles.

Così sale a 43 il bilancio delle vittime del maltempo che ha colpito gli Stati Uniti. Le inondazioni nel Midwest hanno fatto 13 morti, ai quali si aggiungono le 11 vittime di tornado in Texas, le cinque in Illinois, le otto in Missouri e altre 19 nel sudest del Paese.

La costa orientale degli Stati Uniti sperimenta temperature tropicali, mentre nel sud del paese il bilancio delle vittime di tornado dell’ultima settimana continua a crescere. Proprio il Texas è uno degli stati più colpiti, con strade chiuse e aeroporti rallentati: le autorità contano i danni mentre la Croce Rossa allestisce rifugi per coloro le cui case sono state danneggiate o distrutte.

Clima, Milano e Roma sotto una cappa di smog

L’Italia, nel frattemppo, soffoca. Anche ieri il Pm10 ha sforato il limite di 50 microgrammi al metro cubo a Milano e in molte altre zone della Lombardia. Il record lombardo tocca comunque al varesotto, Busto Arsizio (126). E Roma non sta meglio. Si stanno decidendo proprio in queste ore altre misure urgenti per frenare l’avanzata dello smog.

 

1 COMMENT

LEAVE A REPLY