Home C'era una volta Il primo disco di Gilbert Bécaud

Il primo disco di Gilbert Bécaud

SHARE

Il 2 febbraio 1953 viene registrato il primo disco firmato da Gilbert Bécaud. Lo stesso giorno nasce sua figlia Gaya.

Un’avventura destinata a durare

Le due canzoni contenute nel 45 giri del debutto discografico sono Mes mains con il testo di Delanoë e Les Croix firmato da Amade. Per Gilbert Bécaud è l’inizio di un’avventura destinata a durare a lungo. Vestito sempre di blu con la cravatta a pois, che si dice non cambi mai per scaramanzia, diventa uno dei primi idoli giovanili della storia della musica mondiale.

Monsieur 100.000 volts

Il 17 febbraio 1955 una sua esibizione all’Olympia verrà “festeggiata” da quattromila fans urlanti che distruggono letteralmente una parte della platea. L’episodio, più, che la notevole potenza della sua voce, gli varrà per sempre l’appellativo di “Monsieur 100.000 volts”. All’inizio degli anni Sessanta arriverà anche la consacrazione internazionale con Et maintenant, il suo brano più famoso scritto su un testo di Pierre Delanoë, che conoscerà oltre centocinquanta versioni diverse in quasi tutte le lingue del mondo.

 

 

SHARE
Previous articleFirenze “insolita” tra bellezza e fede
Next articleAl via le “Giornate internazionali di studio del paesaggio 2021”
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY