Home C'era una volta Il suicidio di gruppo che non andò a buon fine

Il suicidio di gruppo che non andò a buon fine

SHARE

Il 7 gennaio 1998 a Santa Cruz de Tenerife, l’isola più grande delle Canarie, le squadre speciali antiterrorismo della Policia Nacional sventano un tentativo di suicidio collettivo di trentadue persone.

L’Ordine del Tempio Solare

I protagonisti della vicenda sono tutti adepti di una setta religiosa che si è autonominata “Ordine del Tempio Solare”, fondata e presieduta dalla cinquantaseienne berlinese Heide Fittkau Garthe. Nel gruppo ci sono anche cinque bambini.

Prima della fine del mondo

La polizia interviene prima dell’ora fissata per il suicidio, 20.00 dello stesso giorno, cioè il momento preciso in cui la setta ha previsto l’inizio della fine del mondo. Al momento dell’irruzione degli agenti i membri sono rinchiusi da quindici giorni in un appartamento. Tra il materiale rinvenuto all’interno ci sono studi psicologici su ciascuno dei componenti del gruppo, vari opuscoli propagandistici e un bidone colmo di sostanze chimiche. Alla vicenda è ispirato il film “Acantilado” di Helena Taberna.

 

SHARE
Previous articleRaccontare “l’altro dopoguerra italiano”, dal Sud a Roma
Next articleGeorgius, un talento multiforme macchiato dall’accusa di collaborazionismo
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY