Home C'era una volta La misteriosa morte del bluesman Walter Davis

La misteriosa morte del bluesman Walter Davis

SHARE

Il 22 ottobre 1963 sarebbe morto il bluesman Walter Davis, da tempo scomparso dalle scene musicali. Il condizionale è d’obbligo perché in molti hanno dubbi sia sulla data che sul personaggio.

Uno stile sobrio con molte motivazioni sociali

Forse è meglio partire dall’inizio. Il 1° marzo 1912 nasce a Grenada, nel Mississippi, il bluesman Walter Davis. Pianista e cantante tipico della tradizione urbana del blues di St. Louis fin dall’inizio sviluppa nelle sue interpretazioni uno stile sobrio e ricco di motivazioni sociali. Seguendo l’esempio di Leroy Carr riesce a trasportare nei testi dei suoi blues i temi propri della cultura afroamericana grazie a un notevole spirito di osservazione, una fertile immaginazione e un frasario musicale semplice e facilmente assimilabile. Abbandonata la famiglia a tredici anni, si trasferisce a St. Louis dove impara a suonare il pianoforte.

Il debutto, il successo e la scomparsa

Sul finire degli anni Venti, debutta negli house parties nella zona est della città e comincia a esibirsi nei vari club locali, spostandosi poi nel Texas, in Tennessee, nel Mississippi e in South Carolina. Nel giugno del 1930 registra il suo primo disco per la Victor a Cincinnati. Il maggior successo di questo periodo è M & O Blues. Walter Davis nei primi anni Cinquanta rinuncia a esibirsi nei locali per dedicarsi all’attività di predicatore, ma non abbandona la musica. Intorno al 1954, colpito da paresi perde l’uso della mano sinistra ed è costretto a trovare lavoro come portiere di notte prima all’Hotel Calumet e quindi all’Albany Hotel. Poi scompare. Molti ricercatori negli anni successivi si mettono sulle sue tracce per colmare i vuoti nella sua biografia ma non ci riescono. Non si è neppure certi della sua data di morte perché, pur esistendo un certificato in tal senso a nome di Walter Davis per il quale sarebbe deceduto proprio a St. Louis il 22 ottobre 1963, c’è chi sostiene possa trattarsi di un’altra persona e non del bluesman.

 

SHARE
Previous articleFerrovie Dismesse: una grande risorsa per la bicicletta
Next articleIl Caffè, le mille virtù della bevanda più amata dagli italiani
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY